Allegri: “Siamo da metà classifica. Scudetto? Quasi lo step finale. Ora testa alla Champions”

0
28
allegri-scommesse

Il tecnico della Juve Massimiliano Allegri ha parlato ai microfoni di DAZN dopo la dura sconfitta contro il Verona: “C’è stato un confronto? Le parole non servono a niente. C’è da lavorare, da fare, situazione brutta di classifica. Solo 15 punti e serve prendersi responsabilità. Accettare la realtà: siamo una squadra da metà classifica. Con uno spirito diverso, conquistando più contrasti, ne usciremo. Le qualità ci sono. Così è andata per tutto il primo tempo, poi ci tireremo fuori in qualche modo. Ora la partita importante martedì per il passaggio del turno. Piangersi addosso non serve. Serve pensare a ciò che bisogna fare. Poi si sistemeranno le cose”.

Allegri continua: “Non credo che non ci sia una grande squadra senza il rispetto dell’avversario. Tutti quelli che hanno vinto difficilmente hanno giocato con sufficienza. Non lo dico per la Juve: ma manca la voglia di lottare, il calcio è fatto di contrasti soprattutto in questa partita. Ho già parlato troppo, c’è da stare zitti, in silenzio e lavorare. E fare vittorie, che è la cosa più importante. Quanto tempo ha la Juve? Lo step di oggi è quasi finale per il campionato. Pensiamo alla Champions, poi la Fiorentina. Per la vittoria in casa. Bisogna essere lucidi, analizzare ciò che va e non va. C’è chi è più stanco. Serve fare il massimo, aiutare la squadra a vincere. La giacca? La prima palla mezza e mezza va dentro e non è un caso. La squadra aveva fatto quelle vittorie con atteggiamento diverso. Dobbiamo cambiare. Il primo ad averlo capito sono io”.

DAZN

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Super League, Agnelli: “Non mi voglio arrendere e non mi arrenderò”