Home Interviste Antonacci: “Con Conte primi o secondi anche senza Icardi”

Antonacci: “Con Conte primi o secondi anche senza Icardi”

594
0
antonacci - san siro - inter

Biagio Antonacci, il noto cantante di fede nerazzurra è stato intervistato dal quotidiano La Gazzetta dello Sport, a pochi giorni dal via del suo tour estivo con Laura Pausini. Ecco la sua intervista:

Quest’anno l’Inter ha rischiato fino alla fine…

“Infatti io sono morto. Quella tra Inter e Empoli è stata una partita incredibile, quando ha sbagliato il rigore Icardi ho pensato: “Questo è un segno, non andiamo in Champions”. Poi sulla traversa dell’Empoli all’89’: “Questo è un segno, andiamo in Champions”, perché non puoi avere quella fortuna lì e non approfittarne…”.

Antonacci ,cosa ne pensi del nuovo allenatore ?

“Nonostante abbia apprezzato tecnicamente anche Spalletti, sono davvero felice per l’arrivo di Conte. È un allenatore vincente, con lui sicuramente arriviamo o primi o secondi, anche senza Icardi. Scrivetelo”.

Quale canzone vorresti dedicare alla tua squadra?

“A Madrid dopo il triplete hanno messo due pezzi: uno di Ligabue e il mio “Liberatemi”. È stata la soddisfazione più grande della mia vita! Ero lì a festeggiare e loro cantavano la mia canzone… ho pensato Dio esiste! In questo momento però direi “Ritorno ad amare” nella speranza di tornare a vincere”.

Vendere Icardi ?

“Ma no dai , lui è uno che fa reparto da solo, ma fossi nell’Inter prenderei un giocatore come Quagliarella. Sono giocatori che anche se giocano 20 – 30 minuti possono fare sempre la differenza”

Il giocatore migliore ?

“Handanovic. Senza di lui non saremmo in Champions League”

Ronaldo ?

“Quello brasiliano. Per me il vero fenomeno resta lui. Era incredibile”.

Gazzetta dello Sport