Home Calciomercato Barella-Inter, Gavioli possibile chiave per abbassare i costi.

Barella-Inter, Gavioli possibile chiave per abbassare i costi.

35
0

L’ultimo gioiellino sfornato dalla Cantera nerazzurra e in rampa di lancio si chiama Lorenzo Gavioli. Il centrocampista classe 2000 (in gol oggi a Sommacampagna contro il ChievoVerona) ha attirato l’interesse di diversi addetti ai lavori. In particolare – secondo quanto appurato da FcInterNews –  sarebbe un elemento gradito al Cagliari come possibile contropartita nell’affare Niccolò Barella-Inter. Tommaso Giulini, infatti, valuta il centrocampista 50 milioni di euro, ma al momento le pretendenti (Inter, Arsenal e Manchester United) non sembrano intenzionate ad accontentarlo. Occhio quindi all’inserimento di possibili contropartite per arrivare ai 50 milioni complessivi di valutazione e Gavioli in tal senso piace molto e quindi potrebbe risultare il nome giusto per spostare Barella dalla Sardegna in direzione Milano.

Se ne riparlerà nelle prossime settimane, perché l’Inter non ha ancora deciso il futuro del suo giovane centrocampista. In particolare del suo percorso: se utilizzarlo (mantenendo ovviamente la recompra) per monetizzare e iscrivere plusvalenze a bilancio (stile Radu, Valietti e Bettella), inserirlo quale parziale contropartita o se portarlo in ritiro pre-campionato prima di prestarlo in B (alla Emmers). Non c’è fretta, anche perché Gavioli si appresta a vivere settimane importanti prima del grande salto nel calcio professionistico. Sempre sul pezzo senza farsi distrarre da voci e apprezzamenti, seguendo i preziosi consigli del suo agente Luca Ariatti. Con due traguardi in particolare all’orizzonte e da raggiungere per Lorenzo, reduce da cinque anni di trionfi in nerazzurro, dove ha vinto lo scudetto Under 15, quello Under 17 e Primavera. L’obiettivo nelle prossime settimane è appunto quello di aiutare l’Inter a difendere il tricolore Primavera e poi ben figurare con la nazionale italiana all’Europeo Under 19. Gavioli è pronto a lasciare il segno: nei prossimi mesi il suo nome è di quelli da tenere d’occhio. In campo e anche in chiave mercato.