Bergomi: “Eriksen? Benino. E’ da rivedere. Il Milan mi è piaciuto”

0
981
bergomi-inter

Ospite negli studi di Sky Calcio Club, Beppe Bergomi ha ha parlato della prestazione di Christian Eriksen contro il Benevento, schierato da Antonio Conte come regista della sua Inter. L’interpretazione del nuovo ruolo da parte del danese ha convinto l’ex difensore nerazzurro. Queste le sue parole:

“Erisken? Benino, va visto con avversari diversi, che vanno ad aggredire il centrocampo. Eriksen ha scavalcato dalle gerarchie. Prima queste partite non le avrebbe mai giocate, men che meno da titolare, adesso sì. Adesso può far rifiatare Brozovic. Magari può giocare contro la Juve, la sua situazione può fornire varie soluzioni a Conte. Eriksen non si sente ancora sicuro in quel ruolo, magari gioca di prima per non farsi aggredire”. 

CHIELLINI E MILAN

“Per me Chiellini è il difensore. E’ la prima volta che Pirlo ha a disposizione gli uomini giusti. Manca Dybala, ma io parto dalla difesa e ritrovare Chiellini in quella forma… per me il difensore è questo. Il calcio di oggi ci propone giocatori che giocano, ma conta difendere. Oltre l’intervento su Quagliarella, conta la leadership, carisma, come compatta la linea. Credo abbia trovato i tre centrocampisti. Bentancur comanda tutti, funzionano tutti. Chiesa dà continuità, ma porta Ronaldo in mezzo al traffico e fa meno gol. Milan? A me è piaciuto perché ha rilanciato. E’ andato a Bologna senza sostituire Calhanoglu con un giocatore di contenimento, ha messo una punta. Mandzukic? A me piace, adesso non fa il lavoro che faceva alla Juve, ma dall’inizio e quando è in condizione lo può fare. Il Milan alterna un gioco veloce e rapido, ma per parte della gara alza palla solo su Ibra. Con Mandzukic è diverso, perché non ha la fisicità che ha Ibra, per quello ha tenuto dentro lo svedese”, ha conclude Bergomi.

Sky Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Bonolis: “Quanta ipocrisia sul caso Lukaku-Ibra. Bravo Eriksen”