Brandts: “Bettega tentò di corrompermi per farlo segnare”

0
420
Brandts-Bettega-corrompe-giocatore-olanda

L’ex nazionale olandese Ernie Brandts ha lanciato la propria biografia Nooit natrappen (in italiano ‘mai colpire un avversario a terra‘). Il quotidiano Algemeen Dagblad ha ripreso l’episodio destinato a far discutere che risale al’ultima gara della seconda fase a gruppi del Mondiale argentino che vide Italia e Olanda affrontarsi (ai tulipani però bastava il pareggio) per accedere alla finalissima del Monumental di Buenos Aires. Durante lo spareggio per accedere ai Mondiali d’Argentina infatti, Italia ed Olanda si affrontarono, e durante un match tesissimo, l’ex dirigente della Juve Roberto Bettega (coinvolto nello scandalo Calciopoli) chiese proprio a Brandts di “fargli segnare il gol del 2-2, pronunciando cifre da capogiro”. Un’accusa importante, e che in queste ultime ore sta alzando un grosso polverone.

L’Olanda vinse 2-1 in rimonta e proprio dopo il vantaggio olandese, ad un quarto d’ora dalla fine, avvennero, secondo Brandts, i fatti incriminati: “Bettega si avvicinò a me e mi disse: Brandts! Brandts! Lasciami segnare. Sparò cifre in lire, in dollari. Vicino a me c’era Ruud Krol, che sentì tutto e mi disse sottovoce di far finta di niente, di non rispondere. Così feci. Ma Bettega, un attaccante di fama internazionale, non si diede per vinto: Brandts, disse, fammi fare il 2-2. Con il 2-2 andate in finale lo stesso. Pronunciò cifre da capogiro, ma continuai a far finta di nulla”