Brehme: “Cara Inter, non vendere Hakimi. Lukaku o Lewandowski? Entrambi strepitosi”

0
79
brehme-in-aiuto-dell-italia-emergenza-coronavirus

Andreas Brehme ha parlato ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Queste le parole dell’ex super terzino dell’Inter e della Nazionale tedesca:

“Hakimi va via? Mah… Non sono d’accordo. Da tifoso interista, mi auguro posso restare: se andasse via sarebbe un grandissimo peccato. Ma che giocatore è? Nel ruolo, e su questo non ho alcun dubbio, oggi è uno dei più forti del mondo, forse il migliore. E considerando l’età  lo sarà a lungo. Via per motivi economici? Ok, e posso anche capirlo, ma allora bisogna fare chiarezza: se vuoi vincere e restare al vertice, i migliori vanno tenuti. Non ci sono altre strade. L’Inter la considero in un certo modo: è un top club, uno di quelli che deve sempre, e sottolineo sempre, partire per vincere sia la Serie A sia la Champions League. Il Bayern Monaco, per esempio, potrebbe mai cedere i suoi big?. È più ricca? È vero anche questo, ma ripeto: non si può cedere uno come Hakimi, bisogna trovare il modo per tenerlo. È insostituibile”.

CONTE E INZAGHI

“Sorpreso dal suo addio? No, da tempo si era capito che qualcosa sarebbe successo. Ovviamente mi dispiace e lo ringraziamo per quello che ha fatto e vinto, ma se uno decide di andare via non puoi fare nulla. Inzaghi? Decisione ottima, l’Inter prende un ottimo allenatore. L’ha dimostrato alla Lazio, con tante stagioni positive. Ho fiducia che possa replicare a Milano, magari farà anche meglio”.

LUKAKU

“Un attaccante fortissimo: è veloce, ha un ottimo piede, un fisico devastante… Non gli manca nulla, non possiamo non considerarlo un top in Europa. Chi tra lui e Lewandowski? Romelu è più giovane… Molto dipende dal contesto e dalla squadra. Robert, nel club, gioca con dei campioni e con la nazionale polacca fa più fatica. In questo senso, Lukaku con il Belgio è facilitato. In ogni caso, parliamo di giocatori semplicemente strepitosi”, ha concluso Brehme.

La Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Anno sabbatico? Situazione non voluta. Adesso studierò il calcio”