Home Notizie Brozovic, Eriksen e Nainggolan: adesso è il momento giusto

Brozovic, Eriksen e Nainggolan: adesso è il momento giusto

1644
0
nainggolan-brozovic-inter-eriksen

La rosa è stata allargata, la qualità è aumentata e gli obiettivi sono stati quasi tutti centrati. Antonio Conte sapeva dall’ormai famoso incontro di Villa Bellini di fine agosto quale sarebbe stata la strategia sul mercato dell’Inter: vendere prima di comprare. La nuova missione di Conte – spiega la Gazzetta dello Sport -, sarà quella di valorizzare al massimo la rosa, partendo da quei giocatori che fino a ieri – chi più chi meno – pensavano di essere ormai fuori dal progetto. Un vero tesoro tecnico, per la verità, con diversi titolari.

LE NUOVE RISORSE

“Il tecnico è stato bravo in questo mese di lavoro a rimotivare Ivan Perisic, rientrato ad Appiano dopo un’esaltante stagione al Bayern. Il giocatore croato s’è ripreso un ruolo da protagonista in nerazzurro anche grazie a un diverso atteggiamento: la scorsa estate pagò le scorie del caso Icardi della precedente stagione, ma stavolta – forse anche motivato dai successi in Germania – s’è messo subito al servizio del gruppo con uno spirito costruttivo e la voglia di vincere anche con l’Inter. Sempre presente nelle prime tre uscite (con un assist) e in due occasioni titolare: eccola la trasformazione di Ivan, da esubero a risorsa per la fascia, da sfruttare magari su entrambi i lati. Toccherà a D’Ambrosio e Darmian dare il cambio all’occorrenza alla freccia Hakimi“.

NODI DI QUALITA’

“I veri nodi – scrive la rosea -, sono rimasti in mezzo al campo, con Nainggolan e Brozovic dati per sicuri partenti e Eriksen ancora sprovvisto di una collocazione tecnico-tattica che possa garantire l’inserimento di tutto il suo enorme potenziale all’interno dei meccanismi contiani. Per Brozovic non sono arrivate offerte concrete, mentre Nainggolan e Chris hanno vissuto in sospeso il finale di mercato. Ninja-Cagliari è sfumata quasi a sorpresa, nonostante l’accordo tra club e giocatore. I sardi volevano rinnovare il prestito, Marotta e Ausilio chiedevano almeno 10 milioni come da input del presidente Zhang. In sostanza, la cessione era possibile solo a titolo definitivo. Come Eriksen, cercato in questi giorni da Psg, Hertha e Atletico: anche qui no dell’Inter. Ora toccherà a Conte fare l’ultima magia: shakerare bene gli ingredienti per rendere esplosiva la sua Inter. Aggiungendo l’energia del Ninja in attesa della scintilla di Eriksen. E facendo sentire tutti al centro del progetto”.

Gazzetta dello Sport

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Skriniar l’esempio di professionalità che a tutti sfugge