Home Notizie C.Ronaldo positivo al Covid può rompere l’isolamento e tornare in Italia?

C.Ronaldo positivo al Covid può rompere l’isolamento e tornare in Italia?

1067
0
ronaldo-viola-isolamento-covid-spadafora

Nonostante la positività al Covid-19 che lo ha costretto ad un’altra quarantena in Patria, Cristiano Ronaldo lascia il ritiro della nazionale portoghese e anche il Portogallo.

Ma non s’era detto “noi rispettiamo le regole”? O per caso vale solo per coloro che possono dare un tornaconto? Ma si, facciamo quello che ci pare, evadiamo dalla bolla, infettiamo i compagni di squadra, torniamo in Italia come se nulla fosse, e già che ci siamo andiamo in giro per Torino senza mascherina.

Tanto il boss Andrea Agnelli ha già dichiarato che loro seguono le regole.. della famiglia. Anzi, è tutto nella norma, garantisce il
Procuratore di Perugia. Le battute a parte, è ridicolo che Cristiano Ronaldo possa viaggiare e tornare in Italia prima di fare la sua quarantena. Chi ha dato l’ok? Chi comanda veramente? Perché lui può violare le regole?

E poi chiediamo alle persone che leggono certi scempi di fare sacrifici. Quando in questi casi, le persone come lui dovrebbero dare l’esempio. L’esempio di cosa? I capricci, la mania di protagonismo e la pura presunzione. Colui che ha già violato le disposizioni in Portogallo, quando avrebbe dovuto rimanere a Torino fino al giorno 7 di ottobre. Adesso da MALATO torna in Italia e a farsi prendere da un’ambulanza manco se fosse il capo dello Stato.

Purtroppo è questo il paese in cui viviamo e vediamo ogni giorno le regole “che vengono rispettate”.Esistono sempre regole per la gente comune e regole per i ricchi. Altro che “ne verremo fuori migliori”. Non ha rispettato il distanziamento, è scappato sull’isola a fare la quarantena di lusso, si fa portare via da jet e ambulanza. In barba a chi è morto nelle RSA senza nemmeno sapere di cosa. E molti continuano ad idolatrarlo.

Che nessuno azzardi la benché minima critica, nessuno che sollevi davvero il problema per come si manifesta adesso: il Covid è un’insidia che non risparmia nessuno ed i calciatori devono capire che non possono condurre la vita di sempre. Soprattutto i campioni dovrebbero dare il buon esempio, dovrebbero evitare comportamenti dannosi.