Calciopoli, Moggi e Co. condannati nuovamente: risarciscono la Figc

0
129
calciopoli-moggi-giraudo-pairetto-bergamo-de-sanctis-lepore

C’è ancora qualche conto in sospeso Calciopoli, nonostante siano passati 16 anni. Come riporta Il Mattino la FIGC – che si era costituita parte civile –  si è vista riconoscere il pagamento delle spese legali per quanto riguarda lo scandalo più grande del calcio che si abbatté sul mondo del pallone nel 2006. Non si era vista riconoscere il rimborso delle spese legali sostenute per tale attività, da porre a carico dei condannati. La questione era così giunta sino in Cassazione che, accogliendo il ricorso proposto dalla Federcalcio, aveva ritenuto che della questione dovesse occuparsi la Corte di Appello di Napoli in sede civile. A distanza di quasi sette anni dall’inizio di questo procedimento il caso si è chiuso: i condannati, celebri e meno celebri di Calciopoli, dovranno versare circa 200mila euro alla Figc, rappresentata dall’esperto avvocato Lucio Giacomardo.

La Corte di Appello di Napoli (presidente e relatore Alessandro Cocchiara) ha accolto le richieste formulate dal legale napoletano e ha condannato, in solido tra loro, gli ex dirigenti della Fiorentina Andrea e Diego Della Valle e Sandro Mencucci, il presidente della Lazio Claudio Lotito, l’ex dirigente del Milan Leonardo Meani, l’ex vice presidente della Figc Innocenzo Mazzini, l’ex dg della Juve Luciano Moggi, l’ex designatore arbitrale Pierluigi Pairetto, nonché gli ex arbitri Claudio Puglisi, Salvatore Racalbuto, Stefano Titomanlio e Massimo De Santis al pagamento di oltre 200mila euro di spese legali per il procedimento penale legato a Calciopoli e circa 18mila euro per il giudizio civile innanzi la stessa Corte di Appello.

Il Mattino

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Erminia Cremonesi, la donna che cambiò per sempre la storia dell’Inter