Cambiasso: “Vi spiego perché la maglia di Giacinto a Madrid”

0
53
cambiasso-madrid-giacinto-facchetti

Esteban Cambiasso, ex centrocampista dell’Inter leggendario e uno dei protagonisti dell’anno del Triplete, è stato inserito nell’Hall of Fame 2021 nerazzurra. Queste le sue parole ai microfoni di Inter TV:

“Mi fa ricordare tante emozioni, le ho tutte in mente: essere qui per questa distinzione fatta dai tifosi è un onore. Un trofeo oltre la Champions? Due: il Mondiale per Club perché venendo dal Sud America ha un sapore speciale, ma anche la prima Coppa Italia del 2005. Il momento più bello? Probabilmente il gol al Chelsea, soprattutto per il momento: stavano tornando i fantasmi delle eliminazioni degli altri anni, aver segnato quel gol è stata una liberazione. E’ l’immagine della mia carriera nell’insistere: io sono sempre stato un giocatore nel pensare, ho sempre avuto la mentalità di non arrendermi”.

Il Cuchu Cambiasso aggiunge: “La maglia di Facchetti? Ho un grande rapporto con la famiglia di Giacinto, per me era speciale indossarla dopo lo scudetto del 2007 e nella sera di Madrid: volevo unire le altre Coppe dei Campioni con la nostra. Un compagno da scegliere? Non posso, dei dieci anni all’Inter mi porto una famiglia: sarebbe un’ingiustizia scegliere. Javier? E’ molto più di un amico, siamo famiglia: noi abbiamo vissuto tante battaglie. Ma parlo delle nascite dei nostri figli e anche nelle festività: abbiamo fatto tante cose insieme. E tutt’oggi abbiamo un rapporto molto speciale. Un regalo? Le scarpe del mio unico gol fatto nel derby: è una giornata che rimane per sempre nel mio cuore. Le mie scarpe sono rossonere, ma vogliono dire tanto interismo per me. Voglio ringraziare tutti i tifosi per avermi scelto, io ho voluto rappresentarli in ogni gara: l’avermi dato questa possibilità di essere nella storia di una società che per me è casa”, conclude Cambiasso.
Inter TV

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Gasperini: “Esultanza Inter? Non è irrispettosa, vi spiego perché”