Cecchi: “Gare rinviate? Ma quale emergenza sanitaria, i motivi sono altri…”

0
1277
juve-inter-stadio-a-porte-chiuse-spadafora-sky-juventini-codacons-cecchi-coppa-italia-ravezzani

Stefano Cecchi commenta così la decisione della Lega di rinviare le partite a porte chiuse, tra cui anche Juve-Inter. Ecco le sue parole ai microfoni di Radio Sportiva: “Penso che Beppe Marotta ha espresso con chiarezza la posizione del calcio in questo momento e quello che è accaduto. Da questo pasticcio si esce male: perché se a questa giornata non ho potuto giocare in trasferta senza pubblico, dovrei farlo la prossima in casa? Nella mia scala di valori prima c’è la salute delle persone, poi il calcio. Il problema è che il rinvio delle partite non nasce per un’emergenza sanitaria, non lo accetto. Le motivazioni sono altre, mi possono anche andar bene ma diciamolo chiaramente senza fare retorica. Era sta presa la decisione di giocare alcune gare a porte chiuse. Decisione poi cambiata all’ultimo minuto, senza dare una motivazione chiara e soprattutto senza collegialità“, dice Cecchi.

Radio Sportiva