Ceferin: “Superlega, tutti responsabili in 3 modi diversi. Juve, Real e Barcellona sono dei terrapiattisti”

0
70
ceferin-superlega-juve-real

Aleksander Ceferin, presidente dell’Uefa, è intervenuto ai microfoni del Daily Mail dove è tornato a parlare per l’ennesima volta della Super League, cominciando dal rapporto ormai andato a farsi benedire con Andrea Agnelli: “È stato molto stressante – dice Ceferin -. Mi sentivo come se fossi stato messo in una lavatrice. Sabato sono andato in Svizzera dal mio paese d’origine, otto ore di macchina. Avevo tutto pronto per parlare delle riforme e tutto nel mio discorso. Stavo persino ringraziando Agnelli. Da allora ho cambiato il discorso quattro volte. Stavano preparando cose che non mi avevano detto e lui mi stava mentendo dicendo: “Non è vero, non è vero…”. Alla fine è successo”.

Poi aggiunge: Quali provvedimenti nei confronti delle 12 squadre? Tutte le squadre anche hanno partecipato devono assumersi le conseguenze per quello che hanno fatto e non possiamo fingere che non sia successo niente proprio nulla perché non è assolutamente così. Non puoi fare una cosa del genere e dire semplicemente: ‘Sono stato punito perché tutti mi odiano’. Non hanno problemi a causa di nessun altro tranne se stessi. Non va bene quello che hanno fatto e vedremo nei prossimi giorni cosa fare. Anche se per me è una netta differenza tra i club inglesi e gli altri sei. Si sono ritirati per primi, hanno ammesso di aver commesso un errore. Per me ci sono tre gruppi tra queste 12: le sei inglesi, che sono usciti per prime, poi gli altri tre ovvero, Inter, Atletico Madrid e Milan, e infine quelli che pensano che la Terra sia piatta e che la Super League esista ancora. Ma tutti saranno ritenuti responsabili. In che modo, vedremo”, ha concluso il presidente della Uefa.

Daily Mail

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Il vincente pensa solo a se stesso. Zhang assente? Non mi interessa entrare nell’argomento”