Cesari contraddice Marelli: “Rabiot era da rosso, ecco perché”

0
79
graziano-cesari-inter-barcellona-champions-rigore-su-sensi

Commentando l’episodio in diretta su Dazn, l’ex arbitro Luca Marelli non condanna Adrien Rabiot. Per Marelli è stato giusto non estrarre il secondo giallo al giocatore francese in occasione del rigore concesso alla Sampdoria. Queste le sue parole: “Non è arrivato il secondo cartellino giallo a Rabiot perché non è un tiro diretto in porta ma si tratta di un cross verso l’area”. Ma il pensiero di Marelli non è lo stesso di quello di Graziano Cesari. Il moviolista di Mediaset, intervenuto negli studi di Primocanale, analizza gli episodi da moviola di Sampdoria-Juventus e si sofferma in particolare sulla possibile espulsione di Rabiot per doppia ammonizione. L’ex arbitro ha parlato così:

“Rabiot è stato giustamente ammonito al 48′ per un intervento nel quale non poteva prendere il pallone, ha calciato la gamba sinistra di Rincòn, fallo tattico. Il braccio largo sull’azione del rigore meritava un altro tipo di attenzione, a mio parere quando è un pallone pericoloso in area ed è un’azione potenzialmente pericolosa, il calciatore andava ammonito per la seconda volta e quindi espulso. Infatti Allegri dopo un secondo lo ha sostituito”. Cesari la vede completamente diverso rispetto a Marelli.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Cattelan: “Lukaku mi manca. Milan? Onestamente non me lo spiego”