Champions, De Zerbi: “Meglio perdere la finale con Guardiola che vincerla con qualcun altro”

0
34
de-zerbi-guardiola

Roberto De Zerbi sposa la filosofia di gioco di Pep Guardiola e ammette di essere un grande fan del tecnico del Manchester City, nonostante la sconfitta in finale di Champions League contro una squadra che ha scelto di blindarsi e ripartire come il Chelsea: “Quando un allenatore propone una cosa lo fa perché ne ha studiato l’efficacia e anche perché rappresenta bene le sue idee – ha detto il nuovo allenatore dello Shakhtar – Tuchel è un grandissimo, ma io preferirei perdere la finale con Guardiola in panchina piuttosto che vincerla con un altro tecnico”.

C’è da dire però che le ultime tre Champions League sono state al cielo da allenatori tedeschi (Klopp, Flick e Tuchel): “Quei successi non sono un caso. Il calcio tedesco dal punto di vista tattico e di principi di gioco è superiore al nostro. Noi italiani magari sappiamo leggere meglio le partite, siamo più strateghi”.

De Zerbi, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, si è soffermato anche sul concetto di bel gioco: “Io credo che significhi essere organizzati e far rendere al massimo i propri giocatori. Poi bisogna intendersi sulle cose: ad esempio, quando si parla di equilibrio, in Italia lo si fa sempre con una prospettiva difensiva. Se una squadra non tira mai in porta, ma non subisce neanche contropiedi diciamo che ha equilibrio; se invece crea tantissimo e concede qualcosa diciamo che non ha equilibrio…”.

Infine, le motivazioni che hanno spinto il tecnico italiano a scegliere il campionato ucraino: “Non conta il paese o lo stipendio, io voglio essere me stesso. Lo Shakhtar mi ha convinto dal punto di vista tecnico, mentre le soluzioni italiane non mi davano tanti stimoli”, ha concluso così il tecnico.

Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Simon Jordan, ex pres. C. Palace: “Conte-Tottenham? Lascia sempre carneficine. Può essere un problema”