Cies – Serie A da record: il campionato dove si fischiano più rigori

0
205
verona-inter-quarantena-playoff-governo-serie-a-stipendi-aic-la-lega-ripresa-a-maggio-debito-serie-a

Serie A da record… di rigori. Secondo uno studio di Cies, l’osservatorio svizzero sul calcio, il campionato italiano è quello dove vengono concessi più rigori tra le cinque grandi leghe d’Europa e la Lazio è la squadra che ne ha beneficiato di più.

IN TRE ANNI…TROPPI RIGORI

L’analisi di Cies copre tre stagioni, ovvero, 2017-18, 2018-19 e ciò che si è giocato dell’attuale stagione, quindi 2019-20, poi interrotta dalla pandemia e pronta alla ripresa in tutti i grandi Paesi. Se prendiamo in considerazione i massimi tornei di Inghilterra, Spagna, Germania, Italia e Francia, è in Serie A che ci concedono il maggior numero di rigori (sono 367) e con la maggiore frequenza (uno ogni 249 minuti). Dopo troviamo la Ligue 1, con 357 rigori, uno ogni 262 minuti; poi la Liga, con 346 penalty, uno ogni 268’.

Più staccate la Bundesliga, un rigore ogni 321 minuti (247 in totale), e la Premier League, un rigore ogni 382 minuti (247 in totale, ma col numero di partite esaminate più alto, cioè 1048 contro i 1016 della Serie A, i 1039 della Ligue, i 1030 della Liga e gli 882 della Bundesliga). Allargando il discorso a tutti i campionati europei, in testa c’è l’Ekstraklasa, cioè la prima divisione polacca, con un rigore ogni 230 minuti, seguita dalla lega ucraina (231’) e da quella serba (233’): la Serie A è sesta assoluta. È la Norvegia il Paese dove si fischiano meno rigori in tutta l’Europa: uno ogni 389 minuti.

La Lega accusa l’Inter, Pistocchi: “La Lazio ha fatto la stessa cosa, tutto ok”

LA LAZIO AL PRIMO POSTO

A livello di club, la Lazio è il club tra le cinque leghe top che beneficia del maggior numero di rigori: uno ogni 296 minuti, per un totale di 31, tra il 2017 e oggi. Seguito dal Psg (uno ogni 320 minuti) e dalla Sampdoria (uno ogni 325 minuti). Settima la Juventus (uno ogni 383 minuti), decima l’Inter (uno ogni 395 minuti).

Cies

LEGGI ANCHE:

Nainggolan: “Avrei voluto lavorare con Conte. Inter-Empoli è stata…”