Condò: “Conte è antico. Sempre con la mania ‘del tutti contro di me'”

0
75
condò-conte

Paolo Condò è duro, dura la sua analisi dopo l’amara serata di San Siro cha ha visto uscire l’Inter dalla scena europea: “Questo è un bagno molto forte quello subito dall’Inter. I nerazzurri sono stati apprezzabili finché c’è stata benzina, ma la benzina è finita molto presto. Dopo 10 minuti il palleggio dello Shakhtar è stato più apprezzabile, e si è vista l’assenza di qualità dell’Inter. L’occasione più grande, oltre al tiro finito sulla traversa di Lautaro Martinez, è il tiro di Marcelo Brozovic da fuori. Il tiro da fuori poteva essere un’arma contro questa squadra brava a difendersi, ma l’Inter non ce l’ha. Comunque, da questo girone è venuta fuori una marmellata che poteva fruttare qualsiasi risultato. È uscito il peggiore per l’Inter, ma questa situazione dimostra come il gruppo fosse abbordabile. Lo Shakhtar, poi, se ne è fregato di segnare perché l’Europa League gli andava bene”.

CAMPIONATO

“Sicuramente c’è una nuova responsabilità, ora per considerare positiva la stagione deve vincere in Italia per rimontare questo fallimento europeo. In Europa non riesce mai a vincere e a fare il suo dovere, che è quello di prendere i tre punti nell’ultima partita. Questa è la conferma che in Europa la qualità deve salire rispetto all’Italia”.

CONTE

“Ha palesato tutte le difficoltà psicologiche dell’allenare l’Inter. Io credo che debba cambiare molto il clima intorno alla squadra, quando le cose non vanno c’è sempre la sensazione di accerchiamento e di voler trovare nemici, una vecchia ricetta usata da José Mourinho che però ora è molto più sereno, ironico, divertente. Conte mi sembra troppo antico, sempre con la mistica del ‘tutti contro di me’ quando invece il calcio si è evoluto. Eriksen? Io penso che vada prestato, non ceduto”, conclude Condò.

Sky Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Gestione dei cambi? Adesso fate tutti gli allenatori”