Conte: “Dobbiamo continuare a stupire. Non chiedo nulla a Marotta”

0
379
conte-inter-genoa

Al triplice fischio di Inter-Genoa, Antonio Conte è intervenuto ai microfoni di SkySport: “Non dovevamo aspettare oggi per dire che la squadra è cresciuta ovunque – dice Conte -. Le problematiche oggi erano più accentuate, ma ci sono da tempo. Tutti, però, in questo periodo difficile, si sono responsabilizzati, anche chi giocava pochissimo. E questo dimostra che noi dobbiamo sempre credere e affidarci al lavoro. Se oggi siamo a 42 punti, dobbiamo dire grazie al lavoro che stiamo facendo e io lo dico alla professionalità di questi ragazzi che si sono messi totalmente a disposizione, con voglia di crescere. Oggi una buonissima partita sotto tutti i punti di vista, nonostante assenze e chi si è messo a disposizione anche se non al 100% come Gagliardini. Anche Vecino aveva un affaticamento al polpaccio, idem Borja Valero… Ma sono giocatori che antepongono la squadra a sé stessi”.

LA LETTERINA DI NATALE“Oggi non mi sentirei di scrivere nessuna lettera. Mancherei di rispetto a un gruppo di ragazzi straordinario, che mi sta dando tutto. Diventa difficile. Guardiamo Esposito, che ha 17 anni… Nelle serie difficoltà, siamo cresciuti tanto. Ora dobbiamo continuare a stupire“.

ESPOSITO IN LACRIME“Da questa estate, quando sembrava proprio un bambino, è cresciuto tanto. E l’avevo detto dopo il ko di Sanchez che non avrei avuto paura a farlo partire dal 1′. È un ragazzo sveglio, che ha un avvenire importante davanti. Poi a livello famigliare ci sarà un grande aiuto, e io aiuterò loro. Sono contento per lui e per tutti i ragazzi. Oggi non era semplice, l’abbiamo resa noi semplice”.

LA SQUADRA SEMPRE IN ALTO“Sono d’accordo al 200 per cento – sottolinea Conte -. E loro lo sanno benissimo. Hanno meritato otto giorni di vacanza, noi ci ritroveremo domenica prossima. E sono sereno perché sono responsabili. Non dobbiamo mollare assolutamente. Anche in vacanza ci sarà una parte dedicata a… me. Loro lo sanno”.

LA CLASSIFICA“Ed è sempre stato sorprendente, dal mio primo anno alla Juve al primo posto col Chelsea. Ora abbiamo un bel po’ di strada da percorrere. Ripeto: è un gruppo che sta crescendo. Noi, la Lazio, la Roma e anche il Napoli, sebbene più distante, il Milan dobbiamo dare fastidio per rendere il campionato più avvincente. Bisogna credere e pensare a noi stessi: 42 punti, onestamente, è un bel Natale. Sono contento per tutti quanti. Ma ricordo che è già capitato all’Inter di essere in testa a dicembre e poi arrivare in Champions all’ultima giornata. Cammino difficile, ma anche stimolante per tutti quanti”, conclude Conte.

SkySport