Conte: “Gara difensiva? Veniamo per giocarci la partita. Sensi? Valuteremo”

0
558
Antonio-Conte-Inter-barcellona-champions-league-paganin

Domani sera andrà in scena Borussia Dortmund-Inter, match del ritorno del Gruppo F di Champions League. Antonio Conte parla in conferenza stampa pre-gara: “E’ una partita importante, noi e il Borussia siamo a quattro punti in classifica – dice Conte -. Penso che il Barcellona abbia ipotecato un posto negli ottavi. Noi siamo stati bravi a vincere a San Siro contro il Borussia, sappiamo benissimo delle difficoltà che ci saranno domani perché incontreremo una squadra forte, collaudata, che fa la Champions da tanti anni. Dovremo fare grande attenzione. Al tempo stesso è uno step importante in un ambiente caldo, elettrico. Sappiamo benissimo che situazione ambientale riescono a creare i loro tifosi, proprio per questo sarà importante giocare con personalità. Veniamo a giocarci la partita. E’ uno step importante di crescita e credo si possano fare affrontando le partite come è giusto che sia, giocandocela e facendo quel ceh abbiamo preparato. Che vinca il migliore”.

Possibile Sensi dall’inizio?

“Stefano è un calciatore recuperato. E’ il terzo allenamento che ha fatto con noi, il primo alla vigilia di Bologna. E’ a disposizione, è recuperato. Faremo delle valutazioni con lo staff per capire come è meglio utilizzarlo, se dall’inizio o meno. Faremo delle valutazioni per il bene della squadra e del calciatore”.

Un’Inter difensiva come l’anno scorso contro il Tottenham?

“La nostra crescita, come detto, passa dalla mentalità. Se giocheremo una gara difensiva è perché il Borussia sarà stato bravo a metterci lì ma la nostra intenzione è giocare allo stesso modo in casa e fuori. Le sei vittorie in trasferta in campionato testimoniano che per noi non c’è differenza. Conosciamo i nostri pregi e difetti, su cui stiamo lavorando per diminuirli. Chi si aspetta una gara totalmente difensiva da parte nostra è su una strada sbagliata. Non è quello per cui lavoriamo. Poi c’è la forza dell’avversario, che può metterti in una certa situazione. Noi dovremo essere bravi nei momenti di sofferenza, che ci saranno, ad essere compatti e difendere bene. Ma nella fase di possesso sappiamo cosa e quando farlo. Veniamo qui per fare un altro step, come a Barcellona”.

Secondo Conte, questo è un momento in cui vanno bene gli attaccanti?

“Come ho detto prima, penso che qui anche Antonio Candreva possa testimoniare la nostra idea: in fase di possesso è quella di fare gol e creare situazioni per farlo. Non siamo una squadra brava a difendersi e poi ripartire perché non abbiamo una squadra con grandi velocisti. Ci siamo allenati attraverso una serie di situazioni per creare delle opportunità per fare gol. La nostra mentalità è quella di fare male all’avversario, andiamo fin troppo in verticale. per fare male e penso che finora ci siamo riusciti”.

Bisognerà migliorare il rendimento delle ultime gare?

“Stiamo arrivando al termine di un altro mini-ciclo. Incrocio le dita perché nell’altro abbiamo centrato due sconfitte nelle ultime due contro Barcellona e Juventus, pur con due buone partite. La Champions dà stimoli, fa trovare energia anche quando hai il serbatoio eventualmente meno pieno. Dovremo essere bravi a fare la nostra partita sapendo che abbiamo lavorato tanto per affrontare questo tipo di impegni sia dal punto di vista tattico che fisico”.

Come stanno D’Ambrosio e Asamoah?

“Non sono partiti, non sono disponibili per la partita di domani. Anche Gagliardini è rimasto a casa”.