Home Interviste Conte: “Kolarov gioca nel suo ruolo. Creiamo tanto e concretizziamo poco”

Conte: “Kolarov gioca nel suo ruolo. Creiamo tanto e concretizziamo poco”

1961
0
conte-intervista-sky-sport-sampdoria-inter

Antonio Conte parla ai microfoni di SkySport: “Come ho detto in conferenza stampa, non è il momento di andare a vedere situazioni extra-calcio (in riferimento agli assenti per il Covid-19, ndr).Spiace perdere un match in cui abbiamo creato tanto e in cui il Milan è stato fortunato. Ho visto tanto impegno, i ragazzi ci tenevano tanto. Due disattenzioni, poi tantissime occasioni per pareggiare e vincere. Complimenti a loro. Cosa non mi è piaciuto? Creiamo tante occasioni, ma dobbiamo essere più bravi, freddi e cinici per sfruttarle. Però, ripeto: non ho nulla da rimproverare, atteggiamento positivo e determinazione fino all’ultimo. Non siamo stati fortunati”.

PIU’ SOLIDITA’

“Ci vuole sempre equilibrio. Inevitabile che giocando con due esterni che in realtà sono due ali come Perisic e Hakimi magari paghi qualcosa. E c’è qualcuno che vuole anche il trequartista e storce la bocca… Comunque abbiamo subito due gol evitabilissimi”.

KOLAROV FATICA

“Io penso che quello ora sia il suo ruolo, quello migliore. Inevitabile ci sia da lavorare con lui, ma anche con tutti gli altri. Ma ripeto: la partita l’abbiamo fatta. Sfruttando quelle occasioni, saremmo qui a parlare di una Inter bella e vincente”.

GODIN

“Di mercato non parlo, sapete benissimo. Qualsiasi cosa accaduta è stata una situazione ponderata, valutata con il club e con i dirigenti. A me spetta allenare e far rendere al massimo la rosa. LE domande di mercato dovete farle a chi è giusto che ne parli”.

L’UOMO DI INSERIMENTO

“Sinceramente, se rivedete la partita, Barella ci è arrivato spesso. Anzi, le caratteristiche di Niccolò sono proprio quelle, un po’ mi ci rivedo. Poi lui è più bravo di me e può diventare un top-player. Nella situazione nostra, tutti i centrocampisti arrivano spesso alla conclusione”, conclude Conte.

Sky Sport

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Inter-Milan 1-2: Lukaku non basta e il VAR non conta più