Conte: “La Juve il mio capolavoro? No, l’Inter. Sono rimasto deluso per un motivo”

0
26
conte

Le parole di Antonio Conte ai microfoni de La Gazzetta dello Sport che spiega anche la scelta di sposare il Tottenham dopo l’addio all’Inter. Queste le sue parole:

“Quando il presidente Levy mi ha cercato la prima volta a giugno, l’avevo ringraziato ma non me l’ero sentita. Il biennio con l’Inter premiato con uno scudetto di cui nel tempo si capirà meglio la straordinarietà per la mole di lavoro svolta in soli due anni per vincerlo, abbattendo l’egemonia della Juve, aveva lasciato tante tossine da smaltire. Un lavoro totalizzante e durissimo, culminato nella gioia per il risultato raggiunto, ma anche nella grande delusione per il cambio di programmi e prospettive che hanno portato alla separazione. Avevo bisogno di staccare la spina. Ma quando Levy è tornato alla carica mi ha convinto dimostrando di volermi a tuti i costi. Nel suo progetto ho percepito la visione. Una parola a me molto cara…”.

IL CAPOLAVORO DI CONTE

“Ricreare il ciclo della Juve è stato duro, perché ce la giocavamo contro il Milan di Ibra, Nesta e Thiago Silva; contro l’Inter del Triplete e il Napoli di Cavani, Lavezzi e Hamsik… Ma il vero capolavoro è stato lo scudetto con l’Inter. In due anni abbiamo rovesciato una monarchia sportiva. Se non ci fossimo stati noi a interrompere il ciclo bianconero, la Juve sarebbe ancora lì davanti. Quando batti qualcuno, ne mini le certezze. Se pensavo di ritrovare Cristiano Ronaldo in Premier? No, assolutamente. Non pensavo potesse finire la mia avventura nerazzurra. Le situazioni tra Lukaku e C.Ronaldo? Sono situazioni diverse. Ma quando si crea l’opportunità di tornare da protagonisti in Premier è difficile dire no. Sicuramente la loro partenza ha impoverito il calcio italiano. Sono due stelle”, conclude Conte.

La Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Spalletti: “Mai detto quelle parole sullo scudetto dell’Inter, tutte travisate. A San Siro ringrazierò i tifosi”