Conte: “L’andata? Poteva essere l’inizio della fine, e invece eccoci qua”

0
89
conte-conferenza-inter

Anche stavolta niente conferenza stampa con i giornalisti per Antonio Conte che – come successo prima del match con la Roma – presenta Juve-Inter. Queste le sue parole:

“Penso che durante una stagione, quando ci sono determinate partite contro i più forti, queste ti possono indicare il tuo livello. E’ stato importante perché vincere con la squadra che vinceva da nove anni in Italia ed aveva un gap importante dall’Inter ha significato molto a livello di autostima. Da questo punto di vista è stata molto importante, poi poteva anche essere un boomerang perché avremmo potuto pensare di essere forti finendo per essere arroganti o presuntuosi. Poteva essere l’inizio della fine, invece siamo stati bravi a capitalizzare quella partita, a dargli la giusta importanza proseguendo sulla strada giusta. Se mi aspettavo questa reazione? Sinceramente no, avevo pronosticato un campionato molto equilibrato. Infatti lo è stato, a parte l’Inter che ha preso una propria strada ed è andata dritta verso il traguardo. Dietro di noi c’è equilibrio e continuerà fino all’ultima giornata. Noi siamo stati bravi perché abbiamo fatto qualcosa di inaspettato anche per come è stato fatto”.

JUVE-INTER

“Ci sono le partite che valgono tre punti, questo è quello a cui deve pensare il giocatore dell’Inter. E’ inevitabile che quando affronti squadre importanti come la Juve e le altre ci sia n tasso di difficoltà molto più elevato; poi i campionati si vincono in 38 partite, quindi ogni vittoria, anche con l’ultima, vale tre punti. 39 punti sulla Juve in due anni? In un campionato equilibrato, c’è stata una squadra che ha fatto cose straordinarie, staccandosi da un gruppo dove regna l’equilibrio. Merito ai calciatori e a tutta l’Inter per ciò che è stato fatto”, ha detto Conte.

Inter TV

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Buffon e le sue teorie : “Scudetto? Bastava fare cinque punti in più con Benevento e Fiorentina”