Conte: “Mi porto dietro tre dubbi. Lukaku a Sanremo? C’è da cantare prima a San Siro”

0
1853
conte-inter-roma

Come di consueto, Antonio Conte è protagonista della conferenza stampa pre-gara al Suning Training Centre. Queste le sue parole:

“Buon pomeriggio a tutti, purtroppo mentre eravamo in campo è arrivata la triste notizia della scomparsa di Mauro Bellugi. Dispiace veramente tanto e ci uniamo al dolore della famiglia. Un derby diverso rispetto a quelli degli anni passati proprio perché riguarda l’alta classifica. Parliamo di due squadre quasi appaiate in testa alla classifica. Penso sia una bella soddisfazione per Milano avere questo tipo di partite con questa posta in palio. Sappiamo benissimo che il derby devi vincerlo per un discorso di campanilismo e per ragioni di classifica. Primi in classifica? Parto dal presupposto che bisogna sempre lavorare con la giusta forza e determinazione. Quando hai una classifica che ti sorride devi essere ancora più carico, avere ancora più entusiasmo e più voglia di far bene”. 

DERBY

“Il messaggio è quello di dare sempre il massimo cercando l’eccellenza, questo è quel che dico sempre alla squadra. Non è cambiato qualcosa rispetto alle altre settimane. Stiamo lavorando per cercare di costruire qualcosa di importante. E’ inevitabile che questa è una partita importante, contro una squadra forte. Servirà una grande gara. Lukaku? Sarà una partita in cui entrambe le squadre cercheranno di superarsi. E’ stato designato un ottimo arbitro, non dimentichiamo che è sempre sport. Non vedo il motivo per cui si possano creare situazioni che possono nuocere alla squadra. Poi aggiungo che bisogna lavorare da squadra, riducendo al minimo gli errori. Stiamo parlando di un giocatore forte, che sta dando tantissimo al Milan. Ci ha fatto gol nelle partite precedenti, non è detto lo faccia stavolta, ma al di là che segni lui o no ci interessa di dare il massimo e vincere il derby. Una settimana per preparare la partita? Finora abbiamo giocato ogni tre giorni, abbiamo fatto una semifinale di Coppa Italia contro la Juventus e due giorni dopo abbiamo giocato a Firenze. Sulla carta si può parlare di vantaggi e svantaggi ma poi c’è il campo. Dobbiamo essere bravi e concentrati su ciò che stiamo facendo. Lavoreremo ancora di più, non giocando il martedì o mercoledì”, spiega Conte.

ERIKSEN

“Mi porto dietro tre dubbi per la partita di domani. Non ho deciso niente, abbiamo visto dei miglioramenti in Christian e stiamo cercando di lavorare. Avremo ancora più modo di farlo con lui. Ha fatto progressi, ci è venuto molto incontro e questo è buono per noi, per l’Inter, per me, i tifosi”.

CLASSIFICA

“Mancano sedici partite. Non dimentico che tanti si chiedevano prima della gara con la Fiorentina a quanti punti di distacco saremmo arrivati dal Milan, visto che loro avevano Crotone e Spezia. Ci arriviamo con un punto in più e in tanti pensavano che il derby sarebbe stata la botta finale. E’ la dimostrazione della difficoltà in assoluto del campionato, dove ogni partita la devi giocare. Noi dopo il Milan avremo il Genoa, poi il Parma che lotta per la salvezza ma ha una rosa importante. Andiamo avanti step by step, è inevitabile che ogni vittoria dà fiducia, morale, fa prendere consapevolezza e questo penso sia la cosa più importante al di là del mettere qualche punto in più sulla seconda”.

MESSAGGIO DI CONTE

“Daremo il massimo come abbiamo sempre fatto per questi colori e la storia del club. Faremo di tutti affinché i tifosi siano orgogliosi del nostro impegno, del lavoro e dell’abnegazione”.

SKRINIAR

“Se andiamo a ritroso in tanti sembrava dovessero lasciare l’Inter. I calciatori sanno benissimo la verità e qual era il mio pensiero verso di loro. Sono sempre stato chiaro con loro, su chi rientrava o meno nei programmi. Skriniar sta facendo molto bene, come il reparto arretrato. Penso abbiamo trovato un buon affiatamento i nostri sei difensori, perché non dimentichiamo che abbiamo anche altri giocatori oltre ai titolari che hanno sempre risposto in maniera importante. La nostra forza è sentirci importanti e sapere che se si molla altri possono prendere il suo posto. E’ una competizione interna onesta. Le fortune dell’Inter passano dal miglioramento del singolo giocatore, perché questo alza il livello della squadra”.

SEGNALE DI MATURITÀ

“Siamo stati cinici ma abbiamo anche sbagliato tre o quattro gol clamorosi nell’ultimo passaggio. Penso che le partite debbano essere giocate secondo una logica, studiando le situazioni e capendo come fare male, come colpire. Con la Lazio siamo stati molto bravi, venivano da sei gare consecutive vinte. Aver vinto così ci ha dato autostima e forza. Ma è un capitolo a parte, ora abbiamo lavorato sul Milan e sappiamo le difficoltà che ci possono creare e che possiamo creare noi a loro. Lukaku a Sanremo? C’è da cantare domani a San Siro prima…”, conclude Conte.

Inter TV

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Cruz: “Non sono rimasto all’Inter per non rubare lo stipendio”

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Veri Interisti (@veriinteristi)