Conte: “Partite così ti fanno crescere. Vittoria? In mezzo c’era una strategia”

0
748
conte-inter-fiorentina-coppa-italia

Dopo il match vinto contro il Napoli, Antonio Conte si presenta ai microfoni di Sky Sport per dare un suo giudizio: “L’ho detto ai ragazzi a fine partita, una  vittoria così ci può fare bene. Non era un match facile, il Napoli è davvero un’ottima squadra. Partita molto tattica, grande rispetto da ambo le parti e di certo non è stata una gara bellissima. Però questi sono punti importanti, contro un’antagonista ambiziosa, che valgono il doppio”.

IN FINALE

“Inevitabile che la squadra sentisse l’importanza e il peso della partita. Sapevamo che non sarebbe stato facile, alla fine è venuto un ‘braccino del tennista’ per conservare il risultato. Portare a casa partite così è importante anche per uno step di crescita mentale. La squadra deve imparare anche a soffrire, anche se preferiremmo soffrire non tanto. Ma battere squadre così forti è un buon segnale”.

RISULTATO IMPORTANTE

“Se conta solo il risultato? Sì, assolutamente. Sono partite difficili perché si possono vincere o perdere. Il Napoli è un’ottima squadra con un ottimo allenatore e con una grandissima organizzazione. Ha detto bene Gattuso: forse noi l’abbiamo imbruttita, è stata molto tattica. Avevamo l’esperienza delle partite con loro nella precedente stagione. Per questo in mezzo c’era una strategia per renderli sterili in attacco. Solo verso la fine si è creato qualcosa. Sono partite che devi vincere e, se ci riesci, le prendi, le metti in tasca e sei contento”.

LUKAKU

“Loro si abbassavano e coprivano tutti gli spazi per poi andare in ripartenza con Insigne e Lozano. Noi nel primo tempo abbiamo provato ad andarli a prendere anche abbastanza alti, e loro sono stati a uscire con giocate preparate visto che Zielinski ci ha messo un po’ in difficoltà dietro a Brozovic. Alla fine comunque la situazione ha pagato, benché fortunati sul palo”, conclude Conte.

Sky Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Cerri: “Con l’Inter risultato bugiardo. Che rammarico per la sconfitta!”