Coronavirus, il gesto nobile di Pellegrini: “30mila pasti gratuiti per i deboli”

0
1798
pellegrini-inter-facchetti

Gesto nobile di Ernesto Pellegrini per tutti i deboli che stanno soffrendo il Coronavirus: l’ex presidente dell’Inter ha deciso di aiutare gli anziani di 17 comuni lombardi in seguito all’emergenza. L’imprenditore distribuirà gratuitamente 30’000 pasti : “E’ il nostro modo di essere solidali in questa emergenza del Coronavirus – dice Pellegrini -. Sono figlio di contadini, ho conosciuto le difficoltà della guerra e gli anni duri del dopoguerra, ma non dimentico la solidarietà nella Milano della ricostruzione. Dalle macerie del Dopoguerra siamo usciti con uno sforzo comune, insieme ce la faremo anche stavolta”.

“Giorno dopo giorno aumentano le preoccupazioni per gli anziani soli. Da lunedì garantiremo noi almeno il cibo domicilio”, ha spiegato la figlia Valentina. Pellegrini nel 2013 ha fondato una ONLUS insieme alla sua famiglia, concretizzando le iniziative nel sociale con l’apertura del ristorante solidale “Ruben”, a Milano. “Il nostro scopo principale è assistere i nuovi poveri, una categoria di persone in difficoltà pressoché invisibile e purtroppo in costante aumento. Il ristorante milanese offre 300 cene al costo di 1 euro l’una, dal lunedì al sabato. Un terzo dei commensali sono bambini sotto i 12 anni (chi ha meno di 16 anni mangia gratis). Molte famiglie monoreddito o con genitori disoccupati vengono accolte nel locale. “La trasformazione di una fascia sociale che fino a pochi anni fa viveva in modo dignitoso rappresenta la genesi delle nuove povertà, caratterizzate da una fragilità anche economica che conduce all’esclusione sociale”, ha spiegato di recente Ernesto Pellegrini. “Abbiamo voluto dare una risposta articolata per restituire visibilità e dignità a queste persone”.