Home Notizie Coronavirus, Istituto Einaudi: “A maggio possibile azzeramento dei casi”.

Coronavirus, Istituto Einaudi: “A maggio possibile azzeramento dei casi”.

0
denuncia-primario-coronavirus-istituto-einaudi

In tutte le regioni i contagi spariranno, anche se non contemporaneamente. In alcune zone ci vorrà più tempo. Il periodo compreso fra il 5 e il 16 maggio potrebbe vedere il possibile azzeramento dei casi di Coronavirus in Italia. È quanto emerge dai calcoli statistici pubblicati dall’Istituto Einaudi per l’Economia e la Finanzia (Eief), basati sui dati forniti ogni giorno dalla Protezione Civile. Ecco i dati del 29 marzo pubblicati dall’Istituto Einaudi.

Emergono inoltre delle stime per ciascuna regione, dalle quali emerge che il 6 aprile il Trentino Alto Adige dovrebbe essere la prima regione a vedere l’azzeramento dei casi, seguita il 7 aprile da Liguria, Umbria e Basilicata, e poi da Valle d’Aosta (8), Puglia (9 aprile), Friuli Venezia Giulia (10 aprile), Abruzzo (11),  Veneto e Sicilia (14 aprile), Piemonte (15) Lazio (16), Calabria (17), Campania (20), Lombardia (22), Emilia Romagna (28), Toscana (5 maggio).

Css: “Ritorno alla normalità sarà graduale”. Stiamo andando nella direzione giusta e non dobbiamo minimamente cambiare strategia. Non sarà un processo di ritorno alla normalità dal niente al tutto, sarà graduale, ma l’obiettivo è riuscire a contenere la situazione adesso, prevenire ulteriori focolai epidemici, specie come quelli visti (al Nord, ndr) e ripristinare il più possibile un normale stile di vita”. Così il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) Franco Locatelli in conferenza stampa alla Protezione civile.

Exit mobile version