Crespo difende Lautaro: “Chi lo critica non capisce nulla di calcio”

0
91
lautaro-martinez-inter-crespo

Intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, l’ex bomber nerazzurro Hernan Crespo ha parlato del momento no di Lautaro Martinez. Queste le sue parole:

“Nella carriera di un attaccante ci sono sempre periodi più o meno prolifici. Capita che tocchi un pallone solo in tutta la partita e fai il gol della vita, e capita che anche se tiri dieci volte in porta non la butti mai dentro. Ci sono passato da queste situazioni, parlo a ragion veduta. Chi critica Lautaro Martinez non capisce nulla di pallone, questo mi sento dirlo chiaro e tondo”. Netta la posizione di Crespo che aggiunge:

“Chiediamoci, piuttosto, se l’Inter è ancora la stessa Inter. Un attaccante, molto di più di altri giocatori, dipende dalla manovra della squadra, dai movimenti dei compagni, dai loro suggerimenti. Siamo certi che l’Inter, in questo periodo, stia giocando come faceva nella prima parte della stagione? Se ha perso contro il Milan, se ha pareggiato a Napoli, se ha perso contro Liverpool e Sassuolo, non sarà mica soltanto colpa di Lautaro, no?”.

“Cosa deve fare per sbloccarsi? Troppo facile: un gol. Ne fa uno e poi ne segna sette o otto di fila. Vedrete – assicura Crespo -. Questo è un attaccante fortissimo, cercato dai principali club europei che ha fatto la precisa scelta di voler rimanere all’Inter per completare il suo percorso di crescita. Io lo seguo e, anche se a distanza, lo coccolo. In area di rigore è micidiale. Calcia bene di destro e di sinistro. E’ bravo di testa e in acrobazia. Certo, adesso vive un periodo di appannamento, ma non ha mica perso le sue qualità”.

L’ex arma letale conclude: “Non giudico le scelte dell’allenatore, che tra l’altro è Simone Inzaghi, cioè un mio amico. Se lo toglie, avrà i suoi motivi. Io so che nel primo periodo a Parma, appena sbarcato dall’Argentina, il pubblico del Tardini mi fischiava e Ancelotti mi faceva giocare lo stesso. Imponeva la mia presenza e così mi dava fiducia. E piano piano mi sono sbloccato e ho cominciato a segnare. Ora, Lautaro è in Italia da un po’ di tempo, questo è vero, ma in un periodo buio chiunque deve essere sostenuto e deve sentire l’appoggio dei compagni, dei dirigenti, dell’allenatore e del pubblico. Metterlo sul banco degli imputati non può che creare altri guai”.

La Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Inzaghi: “Approccio penoso, sono arrabbiato. Lautaro deve solo lavorare”