Del Piero: “Lite con Bergomi? Ma non scherziamo. Quante botte con Samuel e Materazzi”

0
2015
del-piero-inter-juve-bergomi-materazzi

Alessandro Del Piero è stato intervistato dal quotidiano La Stampa. Queste le sue parole su Inter-Juve: “Inter-Juve è una rivalità che affonda le sue radici nella storia di questo gioco, in Italia – esordisce l’ex capitano bianconero -. E molto spesso è stata una sfida scudetto, dunque ha abbinato il valore assoluto della partita con quello relativo alla corsa per il titolo. Ecco perché è così speciale. E, per essere chiaro, vale da prima del 2006, e anche prima del 1998″.

UNA VOLTA DERBY D’ITALIA

“La punizione a San Siro nel 2006 rimane un momento indimenticabile, per qualità di quel gol e per importanza. Ricordo con meno piacere le sfide dopo il ritorno in serie A, quando non riuscivamo a raggiungere il livello che volevamo, e a lottare per lo scudetto. Per fortuna ho fatto ancora in tempo a farlo, prima di chiudere la mia carriera in bianconero”.

I DIFENSORI PIU’ DIFFICILI DELL’INTER

“Ce ne sono stati tanti, e ho l’impressione che una volta usassero maniere più forti di oggi. Penso a Samuel, Cordoba, il mio compagno mondiale Materazzi. Ricordo spesso a Bergomi quando ero un ragazzino e, la prima volta che lo incontrai, mi diede un pizzicotto per farmi restare a terra e non rialzarmi subito, insomma per avere il tempo di rifiatare. Diciamo che me hanno date abbastanza…”.

CALCIOPOLI

“Credo che si è andati oltre. C’è troppo odio, soprattutto sui social, e questo non mi piace. In campo non è così, lì ci si rispetta. E deve tornare ad essere così anche tra il pubblico, senza nulla togliere alla bellezza della rivalità, anche feroce”.

LA PARTITA DI STASERA

“In caso di vittoria dell’Inter, in particolare, credo che questa partita possa avere un peso significativo sul futuro del torneo, come avrebbe potuto averne la vittoria del Milan contro la Juve, che non è arrivata. Insomma, i punti cominciano a pesare, soprattutto per chi è più indietro. Juve favorita? Come valore di squadra, sì. Ma in questo momento, sinceramente, non ci sono favorite tra le tre squadre che a mio avviso se la giocheranno fino alla fine, ovvero Milan, Inter e Juventus. E non terrei ancora fuori il Napoli. Inter prima rivale? In questo momento credo vada rispettato, come sempre, il verdetto del campo. E il campo sta dicendo che il Milan ha tutto per vincere, a maggior ragione con il recupero di Ibra. In assoluto credo però che l’Inter sia un filo davanti a tutti”.

BERGOMI VS DEL PIERO

“Penso che i club di vertice debbano vincere nonostante le pressioni, e penso che non sia possibile respingerle dicendo che non esistono o che non siano giustificate. Dipende dagli obiettivi e dal “setup” che squadra e società si impongono. Peraltro, a proposito di quello che dicevo sul clima che trovo spesso troppo pesante, ho letto che alcuni hanno giudicato quella con Bergomi “una lite”. Ma non scherziamo, si parla di calcio, ci si confronta, ma sempre con leggerezza, non ho mai litigato per questo fuori dal campo e tantomeno con lo Zio, che è una grande persona, è stato un grande avversario e pure un compagno in azzurro”.

CONTE

“Nel mestiere dell’allenatore è quasi impossibile legarsi a una squadra per sempre, come abbiamo fatto da calciatori. Sinceramente è normale, lo hanno fatto ad esempio anche il Trap e Lippi dopo anni in bianconero. Lukaku-C.Ronaldo? Se mi avesse fatto altri nomi forse avrei potuto scegliere. Ma questi due sono troppo importanti per le loro squadre, decisivi allo stesso modo”, conclude Del Piero.

La Stampa

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Juve alta tensione, lite furibonda tra Paratici e Nedved