Ex arbitro Boggi attacca Nicchi: “Può esplodere una nuova Calciopoli”

0
7299
boggi-attacca-nicchi

Pesantissimo attacco dell’ex arbitro Robert Anthony Boggi nei confronti dell’Aia e del suo presidente Marcello Nicchi. Ecco l’intervista rilasciata a Radio Punto Nuovo dell’ex internazionale, dove ha sparato a zero su tutto il sistema arbitrale italiano e sul suo leader: “A Nicchi nessuno dice mai niente – comincia Boggi -, con tutti i guai che fa. Non dimentichiamo mai che è stato il sorteggiatore delle palline con Bergamo e Pairetto. La colpa non è sua, è stato un grandissimo, ha fatto passare un sistema dittatoriale, senza che nessuno gli dicesse niente: è un fenomeno, tutti quelli che si mettono contro di lui devono andarsene. Io persi le elezioni, la gente aveva paura anche di mettere firme e appoggiarmi. Qualora ci sarà un altro candidato sarà perché si vuole cambiare sistema, altrimenti nessuno si candiderà più. Mi dimisi a novembre del 2013, dopo pochi mesi mi arrivò una comunicazione per un processo perché avevo parlato male di Nicchi. Loro sono scientifici, devono colpire tutti gli avversari. Sono preoccupato per i giovani arbitri che sono vittime di un sistema. Se non fosse stato per me, molti degli arbitri di oggi non avrebbero fatto neanche una partita in Serie B. Quella che è stata una volta Calciopoli, lo sarà ancora e non ci sarà più modo di tornare indietro“.

Boggi continua parlando anche del Var: “Fino a pochi anni fa era quello che si sarebbe opposto fino alla fine per non far entrare il VAR nel calcio. Il problema non è l’utilità, ma la definizione delle norme. Nel campionato inglese viene utilizzato massimo 2-3 volte, qui per ogni cosa. Non vorrei che tutta questa storia è per togliere responsabilità all’arbitro, altrimenti a cosa servono tutti gli assistenti e guardalinee? Il gol annullato di ieri di Gaston Ramirez, ai miei tempi sarebbe stato regolare. So che in Serie A sono tutti alla ricerca di difensori senza braccia. Stanno ammazzando il calcio, hanno rovinato la bellezza di questo sport e nessuno parla”.

Radio Punto Nuovo