Fresi: “Gagliardini e Brozovic non ti fanno il salto di qualità. Barella? Corre, ma non ti manda in porta”

0
2825
inter-fresi-barella-brozovic-gagliardini

Salvatore Fresi è stato a lungo un difensore dell’Inter. Intervistato dai microfoni di Tutto Mercato Web, l’ex interista ha parlato della lotta scudetto: “E’ un campionato strano – ha detto Fresi – equilibrato e con squadre che una volta vincono poi dopo magari si fermano: la Juve ad esempio aveva abituato tutti alla continuità e invece ha problemi di risultato. L’Inter è ancora difficile da giudicare. Se c’è una favorita allo scudetto? No perché lo stesso Milan pian piano sta un po’ mollando come risultati; bisogna vedere cosa succederà al mercato di gennaio”.

INTER

“E’ rimasto solo questo.. Per la rosa che ha, è il minimo che possa fare però ogni domenica o mercoledì si cambiano formazione e tanti giocatori. In questo modo non si trova continuità, è vero che c’è il turn-over, ai miei tempi però non c’erano questi cambiamenti e la squadra titolare c’era sempre. Non che ogni volta si cambiano 4-5 giocatori. Tutto questo a mio parere danneggia la continuità della squadra anche se all’Inter manca uno a centrocampo che giochi in verticale. Ora si gioca in orizzontale e i centrocampisti peccano di personalità e giocano spesso palla indietro. Mi dispiace perché sono nazionali e dovrebbero prendere l’iniziativa e provare a verticalizzare. Il Barcellona pur con tutti i problemi che ha gioca sempre palla davanti, in verticale, è questo che fa la differenza, anche al Real fanno così”.

BROZOVIC, GAGLIARDINI E BARELLA

“Se mi aspettavo di più da Vidal? No, mi aspettavo di più da Gagliardini e Brozovic, giocatori che non hanno la qualità per far fare il salto all’Inter. Mancano due pezzi in mezzo, giocatori importanti, la differenza è li. Davanti l’Inter è devastante. A metà campo Barella corre ma non imposta, non ti manda in porta, ci vuole anche un altro tipo di giocatore”, conclude Fresi.

Tutto Mercato Web

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Sensi? Fondamentale. Per lui incrocio sempre le dita”