Home Notizie GdS – Perché la difesa a tre in Europa fa fatica a...

GdS – Perché la difesa a tre in Europa fa fatica a vincere

699
0
conte-difesa-a-3-inter-europa

La Gazzetta dello Sport approfondisce la questione della difesa a tre che in Europa fa fatica a vincere. Questo il commento:

“Dicono, quelli bravi, che nel calcio i moduli contano poco o niente, non sarebbero altro che numerini dati in pasto ai tifosi, un modo per arricchire le telecronache e dare senso e vivacità ai campetti delle grafiche televisive e giornalistiche. Non è da questi particolari, dicono, che si giudica un allenatore, e neanche dal coraggio, dall’altruismo o dalla fantasia. Semmai – spiega la rosea -, dai suoi principi di gioco, dal lavoro che svolge in allenamento, dalla capacità di entrare nella testa dei giocatori, dai sacrifici che riesce a ottenere da loro, dai più bravi soprattutto, dalla mentalità vincente che sa trasferire al gruppo. Tutto vero. Forse. Perché poi sfogli l’album dei ricordi e vai a vedere almanacchi e albi d’oro e scopri che la verità racconta un’altra storia”.

Inter-Pisa 7-0, Lautaro bomber. Bene Eriksen e Hakimi

“Negli ultimi dieci anni, e ci siamo fermati lì nella ricerca per non tornare troppo indietro, nessuna squadra basata sulla difesa a tre è mai riuscita a vincere né una Champions League, né una Europa League. Tutte le squadre che hanno alzato un trofeo internazionale si schieravano di base con una difesa a quattro. Non solo: non si trova una difesa a tre (che poi sarebbe a cinque, ma questo è un altro discorso), neppure nello schieramento di partenza delle dieci formazioni che la Champions l’hanno persa in finale e se ne trovano soltanto due fra le dieci finaliste battute in Europa League: l’Inter di Conte, quest’anno sconfitta dal Siviglia a quattro, e l’Arsenal di Emery, l’anno scorso schiantato dal Chelsea a quattro di Maurizio Sarri”.

Marotta: “Stadio, speriamo di andare oltre mille tifosi in futuro”

“Con tutta la buona volontà, è difficile pensare che si tratti di un caso. Così come non può essere un caso che negli ultimi anni anche i titoli nazionali dei Paesi più importanti d’Europa siano sempre stati vinti da squadre con difese a quattro (parziale eccezione: ogni tanto il Paris St.Germain gioca a tre). Eppure, la Serie A, più degli altri campionati, resta affezionata alla difesa a tre (cinque). Hanno concluso la stagione con tale sistema di gioco dieci squadre su venti e. Naturalmente, ci sono differenze nelle interpretazioni di questo modulo: per restare dalle nostre parti, Inter e Atalanta sono molto più aggressive, intense ed “europee” della Lazio e dell’ultima Roma. Ma evidentemente non basta”.

CI HA PROVATO PERSINO GUARDIOLA

“Ci ha provato in tempi più recenti qualche volta Guardiola, ma ormai sembra che vi abbia rinunciato. Oggi, vengono impiegati tre difensori centrali di ruolo, vicini fra di loro, ed esterni che in genere sono terzini, ben che vada uno solo dei due è una ex ala. In questo modo, si finisce per subire inferiorità numerica a centrocampo e si difende male sui lati: gli esterni a tutta fascia da soli non ce la fanno e le mezze ali che danno una mano o il centrale che ogni tanto si allarga non bastano contro le sovrapposizioni di due o tre avversari alla volta. Al Siviglia è stato sufficiente aggiungere Banega alle azioni combinate di terzino e ala sia sulla destra che sulla sinistra per mandare l’Inter in affanno. Curioso che pure Guardiola, considerato maestro del calcio tecnico e d’attacco, sia caduto pure lui contro il Lione nella tentazione della difesa a tre (cinque). E ha perso, immeritatamente, ma ha perso”.

Gazzetta dello Sport

LEGGI ANCHE:

Rizzoli: “Basta rigori come quello di De Roon contro la Juve”