GdS – Sensi vicino a una nuova ripartenza: un ruolo diverso per lui

0
25
sensi-inter-napoli-carnevali-annuncia

“Contro la Lazio, dopo la sosta, Simone Inzaghi avrebbe un disperato bisogno di Sensi”. Scrive la Gazzetta dello Sport. Il tecnico nerazzurro avrebbe bisogno del giocatore non a centrocampo, piuttosto in attacco: è davanti che lo stesso Inzaghi ha utilizzato il fantasista in avvio di stagione, prima che l’ennesimo infortunio lo fermasse. E davanti la coperta sarà corta, con Correa e Lautaro Martinez spremuti dagli impegni con l’Argentina. Se la salute l’avesse permesso, Sensi sarebbe stato il partner di Dzeko per la delicata sfida dell’Olimpico. Ma al massimo sarà panchina.

“Al netto della partita contro la Lazio – si legge -, per Sensi si tratta dell’ennesima ripartenza. Il nativo di Urbino ha aumentato i carichi di lavoro e sta gradualmente rientrando con il gruppo: lunedì ha svolto una parte dell’allenamento da solo e una con i compagni. Il recupero procede bene, dopo l’infortunio al ginocchio sul campo della Sampdoria il 12 settembre scorso: fatale lo scontro con Yoshida nell’area di rigore blucerchiata. Sensi era entrato dalla panchina al posto di Calhanoglu, nel tentativo di Inzaghi di vincere la partita poi pareggiata 2-2. Fantasista più due punte, formula da assalto. Ma in pre-stagione e contro il Genoa, il ruolo di Sensi era stato quello di attaccante.
Emblematica la prima giornata contro il Grifone, con la coppia formata da Dzeko e dal piccoletto. Lautaro Martinez era assente e Correa non era ancora arrivato, vero. Ma con Sensi si può ormai parlare di ex centrocampista: per il nuovo tecnico nerazzurro è un attaccante, al massimo la spalla di una punta. Una possibile risorsa preziosa davanti, considerando gli straordinari a cui sono chiamati Lautaro Martinez e, soprattutto, Dzeko. Ma per Sensi bisogna ancora aspettare: la sua presenza contro la Lazio sarebbe stata vitale per l’Inter, l’obiettivo massimo è la convocazione. Con l’ex Sassuolo è vietato affrettare i tempi”.
Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Barella: “Ecco il mio gol più bello. Brozo persona vera, Stakovic è un idolo”