Ibrahimovic: “Cosa ha Maxwell più di me? Una Champions League”

0
961
maxwell-inter-ibrahimovic

Ai microfoni di UEFA.com, Zlatan Ibrahimovic svela il segreto della sua rinascita in Serie A. A 39 anni l’attaccante svedese non ha nessuna intenzione di appendere gli scarpini al chiodo e continua ad essere importante, nonostante gli ultimi infortuni che lo stanno tenendo lontano dal campo:  “Per quello che ho già fatto, non avrei motivo di continuare a fare questo lavoro – ha detto Zlatan -. Ancora oggi però ho la stessa passione di sempre, non mi sento mai soddisfatto e voglio sempre di più. Non vedo molti giocatori della mia età che giocavano o giocano ancora oggi come sto facendo io adesso. Quando un giocatore supera i 30 anni, inizia la sua parabola discendente e infine si ritira. Invece io a 30 anni ho iniziato a migliorare. Ho sentito atleti americani dire che hanno speso più di un milione di dollari per mantenere il proprio corpo in forma. Io ho 39 anni. Sono in forma. Gioco ai massimi livelli. Spendo zero per mantenermi in forma. Il segreto non è quanto si spende, il segreto sta nella testa – quanto lo vuoi, quanto sei disposto a sacrificare. Questo è il segreto: la mentalità. E la mentalità non ha prezzo”.

Poi aggiunge: “Vorrei il cervello di Ibrahimovic nel corpo di un 25enne! Oggi mi stanco prima rispetto a quando ero più giovane. Dormo molto perché ho bisogno di recuperare di più. Diciamo che in passato dopo le partite impiegavo un giorno per recuperare, stare bene ed essere nuovamente fresco. Oggi mi servono dai due ai tre giorni, che è una cosa normale per la mia età. Fin quando giocherò, lo farò ai massimi livelli. Il giorno in cui non sarò più al top, allora smetterò di giocare perché ho bisogno di sentirmi vivo”.

MAXWELL

Poi la dedica all’amico Maxwell, suo compagno di squadra nelle esperienze all’Ajax, all’Inter, al Barcellona e al Psg: “Cosa ha più di me? Lui ha una coppa che io non ho: la Champions League (col Barcellona nel 2010-11 ndr). Questa è l’unica differenza tra la sua bacheca e la mia. Entrambi abbiamo passato momenti indimenticabili e abbiamo avuto una grande carriera. Abbiamo vinto tanti trofei insieme. Lui è il mio migliore amico nel mondo del calcio, e sono felice e orgoglioso di poter condividere la felicità con lui. È un ragazzo fantastico. E ha molta pazienza per [sopportarmi]. Questa è una grande qualità”, conclude Ibrahimovic.

uefa.com

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Berni: “Spalletti il comandante che è riuscito a guidare l’Inter. Eriksen fantastico come giocatore e uomo”