Ibrahimovic: “Il rito di Lukaku e quella frase di Pippo Inzaghi su Materazzi”

0
113
don-mazzi-condò-lukaku-ibrahimovic-rissa

Zlatan Ibrahimovic ha rilasciato una lunga intervista sulle pagine del Corriere della Sera. L’attaccante del Milan torna su diversi episodi del passato, tra cui lo scontro con Romelu Lukaku nel derby dello scorso anno e sugli scudetti vinti Queste le sue parole:

“Derby di Coppa Italia. Lui litiga prima con Romagnoli, poi con Saelemaekers; io intervengo per difendere i compagni, e Lukaku mi attacca sul piano personale. Da restare shoccati. Eppure eravamo stati compagni al Manchester. La scommessa sugli stop sbagliati? Era un modo per farlo migliorare (ride, ndr). E comunque la scommessa lui non l’ha accettata. Lukaku ha un grande ego, è convinto di essere un fuoriclasse, ed è davvero forte. Ma io sono cresciuto nel ghetto di Malmoe, e quando qualcuno mi viene sotto a testa bassa, lo metto al suo posto. Così l’ho colpito nel suo punto debole: i rituali della mamma. E lui ha perso il controllo. Anche se mi è rimasto un dubbio atroce. Quel derby l’abbiamo perso. Io sono stato espulso. Poi mi sono infortunato. Sono successe un sacco di cose storte. Vuoi vedere che il rito Lukaku me l’ha fatto davvero? Così ho chiesto agli amici credenti di pregare per me. Devo saldare il conto anche con lui. Spero di incontrarlo presto. Per strada? Ma no, sono cose che vanno risolte in campo. Io non odio nessuno, tanto meno Lukaku. L’odio è un sentimento impegnativo”.

MIHAJOLOVIC E MATERAZZI

“Sinisa mi aveva provocato per tutto il match, dicendomi cose orribili in slavo, anzi serbo-croato, e io ci ero cascato. Adesso mi chiama bato: figlio mio. Quando si ammalò, della stessa malattia di mio fratello Sapko, stavo quasi per andare al Bologna. Per lui. Mihajlovic in campo era cattivo, come lo era Ballack, un altro provocatore di professione; ma lo faceva per dare un vantaggio ai suoi compagni. Non come Materazzi. Materazzi entrava da dietro per fare male; e noi calciatori capiamo subito quando uno entra per fare male o semplicemente entra duro, come Chiellini, come Stam, come Maldini. Con Materazzi avevo un conto aperto da anni. L’ho saldato in un derby. Quello entra a piedi levati, io salto, lo evito, e lo colpisco con una gomitata alla tempia. Pippo Inzaghi commentò: “Il più bel derby della mia vita: 1 a 0, gol di Ibra, Materazzi in ospedale”. Ovviamente stava scherzando”, ha detto Ibrahimovic.
Corriere della Sera

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte punge: “Prima di me Bonucci e Chiellini non avevano vinto nulla”