Inter, Marotta: “Se parte Lautaro arriverà un top. Vogliamo Tonali. Eriksen..”

0
103
marotta-inter-eriksen-lautaro

Beppe Marotta, a.d. sport dell’Inter, a margine del consiglio federale ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Queste le sue parole:

“Sul futuro di Lautaro Martinez in questo momento è difficile pronunciarsi. Però a lui dico: resti concentrato sul presente, c’è una stagione che riprende, ci sono obiettivi da centrare, possiamo toglierci soddisfazioni, i giocatori devono essere protagonisti. Non c’è la volontà della proprietà di vendere Lautaro: è giovane, ha il futuro dalla sua ed è un elemento funzionale per Conte. Poi, certo, c’è una clausola…”.

LA CLAUSOLA DI LAUTARO

“Non so cosa pensi il Barcellona, magari avranno anche delle alternative… Io spero che non paghino la clausola. E in caso di addio, al posto di Lautaro arriverà un giocatore di grande peso, un top player. Ma in questo mercato, a livello europeo la vera difficoltà non sarà dover comprare, ma riuscire a vendere. Non abbiamo fretta: capisco la voglia di nomi, ma bisogna aspettare che le stagioni si concludano e i club siano in grado di fare i programmi futuri. Una cosa mi sento di dire, in linea generale: operazioni in stile Neymar, in cui una squadra va e porta via un calciatore ad un’altra, non si vedranno più per molti anni”.

Repubblica: “La voce su Marotta l’ha messa Lotito. Inter infuriata”

CAVANI

“È una delle opportunità, è oggetto di monitoraggio essendo un calciatore in scadenza. Ma non abbiamo approfondito la questione: in questo momento è piuttosto lontano dall’Inter”, spiega Marotta.

TONALI E CHIESA

“Non nascondo che siano due talenti. Per Chiesa la Fiorentina ha aspettative economiche elevate, ecco perché oggi non abbiamo avviato un confronto con loro. Settanta milioni? Forse anche di più.. Invece il discorso su Tonali è più abbordabile, noi lo vogliamo ed è un’operazione che si può costruire in maniera migliore. Ed è un ragazzo che è ancora in fase di crescita. Zaniolo? Richiede un investimento elevatissimo, non ci sono le condizioni economiche per affrontare il discorso”.

ICARDI

“Siamo stati bravi, era un’operazione molto difficile, abbiamo portato a casa l’obiettivo favoriti da una scadenza fissata, quella del riscatto. Quasi sessanta milioni sono pochi? Le operazioni di mercato vanno contestualizzate. Questa è stata definita in un periodo difficile, dal punto di vista finanziario. Inutile pensare a ieri, neppure al domani: l’accordo ci soddisfa oggi. Avevamo fatto una scelta progettuale anche tecnicamente, un anno fa, l’abbiamo rispettata ora”.

IL RITORNO DI NAINGGOLAN

“Non vogliamo svalutarlo. Rientrerà dal prestito, poi faremo delle valutazioni. Non c’è fretta di decidere”.

ERIKSEN

“Il danese è un gioiello, un grande giocatore. Conte è il direttore d’orchestra, è lui che deve creare il giusto equilibrio tattico. Questi due mesi sono indicativi per conoscersi meglio: vale per il calciatore, vale anche per Conte”, conclude l’ad nerazzurro.

La Gazzetta dello Sport

LEGGI ANCHE:

Quattro anni di Inter e Suning: dal fatturato raddoppiato agli obbiettivi futuri