Inzaghi: “Dzeko, Dumfries e Correa in pochi giorni? Brava la società”

0
31
inter-inzaghi-dazn

Il tecnico dell’Inter Simone Inzaghi commenta così ai microfoni di DAZN il match vinto oggi sul campo dell’Hellas Verona: “Penso che la squadra abbia fatto un approccio buono nel primo quarto d’ora. Poi preso il gol abbiamo subito il colpo, abbiamo sbagliato qualche scelta. Non bisogna sempre guardare i demeriti della squadra, ma fare anche i complimenti al Verona che ha giocato un primo tempo a ritmi forsennati. Avevo detto alla squadra che il Verona sarebbe calato perché non poteva tenere quei ritmi”.

CORREA

“Sono contento per il Tucu perché è un giocatore secondo me che ancora non ha fatto vedere il suo meglio. ha tutto, ha tecnica, velocità, tiro, potenza. Sono contento ed è giusto che si goda questa doppietta all’esordio. È un giocatore importante che ci dà molte soddisfazioni”.

INTER VS INTER DELL’ANNO SCORSO

“Purtroppo Hakimi non l’ho visto allenarsi, sappiamo che giocatore è. Lukaku l’ho allenato una settimana ed è un giocatore devastante nel pieno della maturità. La società è stata bravissima, nel giro di pochi giorni mi ha messo a disposizione Dzeko, Dumfries e Correa. La società è stata chiara e mi ha detto che bisognava prima di tutto mettere in sicurezza l’Inter. Ho trovato grande disponibilità e ho capito come mai lo scorso anno hanno raggiunto grande traguardi”.

CALHA E VIDAL

“Per un allenatore è il massimo quello che è successo col Genoa e quello che è successo oggi. Se i giocatori riescono a capire che chi è entra è più importante di chi gioca siamo a cavallo. Vidal, Dimarco, Correa, Sensi sono entrati e hanno fatto benissimo. Brozovic aveva un problemino, ha preso una brutta distorsione. Vidal è entrato alla grande oggi”.

DZEKO E LAUTARO

“Sono andati bene, oggi non era facile contro la difesa dell’Hellas. Lautaro è rientrato dall’Argentina e ha fatto quattro allenamenti prima di avere un problemino, non pensavo tenesse così tanto. Edin ha fatto la spizzata del gol, non dimentichiamo che manca anche Sanchez che è un giocatore importante ed è all’altezza degli altri tre”, ha concluso Inzaghi.