Joao Mario: “Zidane? La mia prima più grande ispirazione nel calcio”

0
246
Joao-Mario-zidane

Dna da Leone‘, è il nuovo podcast ufficiale della formazione dello Sporting Lisbona, nel quale il primo protagonista è stato Joao Mario, tornato al club portoghese in prestito dall’Inter. Il portoghese dello Sporting Lisbona si è raccontato soffermandosi anche su alcuni aspetti della sua carriera. In primis la sua fonte di ispirazione, con parentesi anche sulla scomparsa di Diego Armando Maradona: “Non l’ho mai visto bene, ma dai video che ho visto capivo che era spettacolare. È stata una grande perdita. Mi dispiace di non averlo visto più da vicino. Ho visto giocare Zinedine Zidane e senza dubbio è lui la mia prima più grande ispirazione nel calcio, anche per il ruolo. La sua posizione in campo, la sua eleganza. Mi ha ispirato molto. Poi anche Cristiano Ronaldo perché l’anno in cui sono arrivato allo Sporting lui era un punto di riferimento per tutti”, dice Joao Mario.

STADI VUOTI

“Giochiamo così, comunque valgono punti, vittorie e sconfitte. È più difficile concentrarsi così. Non sento più la pressione della presenza del pubblico, ma in termini di motivazione non sentire i loro incitamenti è complicato. Insulti? Senti tutto. Questa è la parte brutta. Ma è una parte del gioco, una scintilla o qualcos’altro per svegliarsi in campo non fa male a nessuno”. 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by João Mário ?? (@joaomario)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Padre di Tonelli: “Inter-Juve 2018? Come ammazzare una persona”