Home Notizie Juve-Milan e l’amore che ritorna: l’amicizia fra i fondatori, la “Santa Alleanza”...

Juve-Milan e l’amore che ritorna: l’amicizia fra i fondatori, la “Santa Alleanza” e le parole di Mou

0
6521
Juve-Milan

Juve e Milan? Amici sempre, odiarsi mai, e nemici.. se serve. Il legame tra le due società parte da lontano, addirittura dal 1903, grazie ai fondatori delle due società: Enrico Canfari e Herbert Kilpin, per poi prendere corpo con l’avvento di Umberto Agnelli e la “triade”, che trovano in Adriano Galliani l’interlocutore perfetto. La chiamarono “Santa Alleanza” tra Milan e Juventus, che aveva in Antonio Giraudo, Adriano Galliani e Luciano Moggi i tre assoluti protagonisti.

Tutto è partito quando il fondatore della squadra bianconera, nonché primo presidente, poteva tranquillamente andare a giocare nel Milan del suo amico Kilpin. Infatti, succede nel 1903, quando Enrico Canfari deve trasferirsi a Milano per lavoro e vuole continuare a praticare lo sport che lo ha stregato. Addio Juve, Canfari diventa a tutti gli effetti un giocatore rossonero. E’ il primo “doppio ex” della storia della sfida, considerando il suo ruolo nella storia bianconera.

amicizia-milan-juve

Insomma, una vecchia, vecchissima storia quella dell’amicizia tra i due club, che affonda le sue radici a fine anni ’80, durante i quali bianconeri e rossoneri si sono spartiti la ricca torta dell’italpallone: campioni, trofei e potere politico. Già, perché prima dell’avvento di Silvio Berlusconi alla presidenza rossonera nel 1986 nessuno aveva sfidato sul mercato calcistico lo strapotere di Gianni Agnelli. Nel 1990 Roberto Baggio era praticamente del Milan. “Poi l’avvocato chiamò Berlusconi – racconterà Galliani – chiedendogli di lasciare alla Juve almeno il giocatore, visto che in quegli anni il Milan vinceva tutto”. L’astinenza da scudetto per la Juve fu Interrotta nel 1995, quando la gestione passò ad Umberto Agnelli, che si preoccupò di creare un forte management (la “triade”). Ma dopo Baggio anche Christian Abbiati è un “pegno” dell’amicizia tra le due società. Un “favore” per ricambiare all’infortunio di Gigi Buffon durante il Trofeo “Luigi Berlusconi”. Contribuirà alla vittoria dello scudetto 2006 poi assegnato all’Inter.

giraudo-galliani-moggi-juve-milan

milan-juventus

ANCHE MOURINHO L’AVEVA CAPITO..

Alla vigilia della seconda giornata di campionato 2009/10, il Vate di Setúbal, all’epoca tecnico dell’Inter, tira in ballo la grande alleanza fra Milan e Juventus. José Mourinho disse: “Mi preoccupa che all’ultima giornata giochino contro queste due squadre. Per me il risultato di Roma-Juventus è indifferente, mentre il presidente bianconero tifa per il Milan nel derby. Loro sono due club amici, che tifano gli uni per gli altri, ma questo non è un problema mio”.

L’AMORE CHE RITORNA

Quest’anno, il campionato vede in modo inaspettato un Milan capolista: a più dieci dalla Juve (una partita in meno) e un punto in più dall’Inter. E da qui ritorna il desiderio di “tifare il Milan” da parte dei tifosi bianconeri. Ebbene sì, perché su Twitter i sostenitori stanno aumentando: “@acmilan dovete vincerlo voi, preferisco le bastonate sui cog****i piuttosto che vedere i prescritti vincitori dello scudetto”, scrive un tifoso bianconero. In molti hanno appoggiato la sua tesi con tanto di cuori e ritwitter. E’ l’amore che ritorna. Meglio così.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Boateng: “Milan? Felice. Da troppo si parlava dell’altra squadra di Milano”