La corsa dell’InterNazionale grazie alla cura di Antonio Conte!

0
350
sensi-e-barella-italia-inter-InterNazionale
Claudio Villa/Getty Images

InterNazionale più che mai. La svolta azzurra voluta da Marotta e Conte è sempre più evidente”, scrive oggi nel suo editoriale online la Gazzetta dello Sport.

“Al netto dei baby Esposito e Pirola, imprescindibili nell’Under 18, sono cinque i nerazzurri tra Italia maggiore e Under 21. Bastoni è una colonna della squadra di Nicolato, mentre Barella e Sensi (che però salterà Grecia e Bosnia per l’elongazione al flessore accusata contro la Juve) sono ormai indispensabili non soltanto nell’Inter ma anche nel centrocampo di Mancini. Nel gruppo a Coverciano ci sono anche D’Ambrosio e Biraghi, ma sperano di rientrare pure Politano e Candreva“.

I RIVITALIZZATI“Antonio Conte del resto aveva rivitalizzato gli italiani – Giaccherini e Pepe su tutti – anche nel mini ciclo sulla panchina della Juve (2011-2014) e poi compiuto un capolavoro proprio alla guida della Nazionale, tra il 2014 e il 2016. L’effetto sugli interisti è simile, con Candreva trasformato, D’Ambrosio sul pezzo, Barella e Sensi che sembrano ad Appiano da anni, Ranocchia che ha già giocato più che nell’intera stagione scorsa, Biraghi impeccabile nell’unica occasione avuta essendo arrivato all’ultimo – ma contro la temibile Lazio -, Politano da epurato ad arma tattica decisiva e Bastoni, lanciato a Marassi e addirittura buttato nella mischia contro la Juve. Perché se Antonio capisce che sei pronto, non sono certo i 20 anni a spaventarlo. InterNazionale più che mai. Infatti è da alcuni stranieri che ci si aspetta il cambio di marcia per braccare la Juve e tenere viva la corsa Champions”.

Gazzetta dello Sport