La nuova sfida di Antonio Conte ha due cognomi: Esposito e Agoumé

0
2051
agoumé-esposito-allenamento-inter-dei-migliori-giovani-al-mondo

Ha delle belle grane da risolvere Antonio Conte in vista della gara di sabato con il Genoa – scrive la Gazzetta dello Sport nel suo editoriale online -. Per l’ultimo incontro dell’anno, all’ormai consolidata emergenza “sanitaria”, si aggiunge infatti il fattore squalifiche: fuori anche Marcelo Brozovic e Lautaro Martinez. Se si giocasse oggi i sostituti delle due colonne sarebbero Lucien Agoumé e Sebastiano Esposito. Due minorenni titolari in campionato: una situazione che all’Inter, e in Italia, ha pochi precedenti.

RECUPERI “FORZATI” – I due ragazzi del 2002 sono stimati e futuribili, ma… Esposito è il più rodato e il suo impiego potrebbe essere definito una “scelta tecnica”: l’impressione è che abbia superato Politano, specie dopo il poco convincente ingresso di domenica – spiega la rosea -. Seba ha un certo feeling con Lukaku, con cui farebbe coppia, e il suo esordio da titolare era nell’aria. Discorso diverso per il francesino, che lo stesso Conte poche settimane fa aveva definito “non pronto”. Qui siamo davvero alla soluzione obbligata. Anche per questo oggi, dopo la seduta di recupero di ieri, lo staff medico proverà a “rimettere in piedi” almeno qualcuno degli infortunati: la speranza è di riuscirci con Gagliardini, che verrebbe più che utile almeno in panchina. La sorpresa potrebbe arrivare da un’accelerazione su Sensi, tutt’altro che scontata anche perché rischiosa visto la storia recente del giocatore. Il recupero più “possibile” è quello di Candreva, che però in mezzo andrebbe adattato. Meglio in panchina, forse, per poter pescare qualcosa da lì, una volta tanto.

Gazzetta dello Sport