Luciano Spalletti vuole D’Ambrosio e Vecino al Napoli

0
38
instagram-spalletti-inter-vecino-d'ambrosio
Getty Images

Da pochi giorni è cominciata ufficialmente l’avventura di Luciano Spalletti sulla panchina del Napoli, anche se la presentazione ci sarà soltanto a luglio, quando terminerà il contratto con l’Inter. Il tecnico di Certaldo, infatti, ha deciso di restare fermo due anni, sotto contratto con la società nerazzurra, dicendo di no anche ad alcune proposte, su tutte quella del Milan di un anno e mezzo fa, quando i rossoneri decisero di esonerare Marco Giampaolo. Ora Spalletti è pronto a programmare il Napoli del futuro, e ad Aurelio De Laurentiis avrebbe fatto i nomi anche di due calciatori nerazzurri con il quale ha lavorato per rinforzare la rosa a sua disposizione. Come riporta la Gazzetta dello Sport “il Napoli potrebbe fare spese in casa Inter nella prossima sessione estiva di calciomercato per rinforzare la rosa a disposizione del nuovo allenatore, Luciano Spalletti.

Il tecnico di Certaldo, infatti, stando a quanto riportato dal quotidiano milanese, avrebbe fatto i nomi di Matìas Vecino e Danilo D’Ambrosio come primi rinforzi. Inter e Napoli sono pronte a sedersi al tavolo delle trattative per discutere del futuro dei due giocatori. I nerazzurri non ritengono D’Ambrosio e Vecino incedibili e, anzi, sono disposti a cederli per realizzare due plusvalenze importanti. La valutazione complessiva dei due cartellini si aggira intorno ai 10-12 milioni di euro, cifra alla portata del club di Aurelio De Laurentiis. Tra l’altro, i nerazzurri, pur di non perdere il terzino a parametro zero, visto che era in scadenza di contratto a giugno, ha deciso di esercitare l’opzione per il rinnovo di un’altra annata, in modo da poter ricavare qualcosa dalla sua partenza. Difficile, invece, pensare ad uno scambio dato che il club meneghino ha necessità di fare cassa soprattutto con la cessione degli esuberi”.

Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Vlahovic: “21 gol? Sono felice. Peccato non aver superato Lukaku”