Lukaku: “Dopo il 3-0 al Milan ho detto tante cose. Inter casa mia”

0
3272
lukaku-sky-sports-intervista-coronavirus-instagram-vandereycken

“La chiave della mia intesa con Lautaro è la comunicazione continua. Abbiamo un’intesa speciale, ma la cosa più importante è che lavoriamo per la squadra”. A due giorni dal derby, Romelu Lukaku risponde via twitter alle domande dei tifosi. Inevitabile tornare sulla sfida contro il Milan e sull’esultanza di Big Rom dopo il gol del 3-0: “Ho detto un sacco di cose per colpa dell’adrenalina, immagino…”, con tanto di risata. Il riferimento è a quel “sono io il migliore, c…!”.

Il bomber belga non cita mai Ibra. E a proposito del cammino in nerazzurro ha detto: “Il miglior momento vissuto all’Inter? Finora è andato tutto bene, amo l’Italia, mi mancano solo i tifosi negli stadi. Il gol più bello resta quello al Napoli, l’anno scorso”. Poi Lukaku non si distrae quando qualcuno cerca di portarlo a pronunciare la parola scudetto, vietatissima ad Appiano: “L’obiettivo per il finale di stagione? In questo momento soltanto la prossima partita. Sono concentrato soltanto sul presente”. Curiosa la risposta a chi gli chiede il compagno contro cui è più difficile giocare in allenamento: “L’allenamento, in realtà, è una zona di guerra. A Conte non piace quando non diamo il massimo…”.

Le altre domande arrivano in gran parte dall’Inghilterra : “Manchester casa? All’Inter sto già a casa”. (“Pizza con l’ananas o pasta ‘cream’ carbonara? Ormai mangio bene…”) all’idolo da piccolo (“Drogba”), al miglior difensore affrontato (“Kompany”) ad un parere su Rashford (“Sta migliorando continuamente! Mi piace vederlo giocare, è sicuramente uno dei più talentuosi con cui ho giocato”), ai migliori al momento e del Brasile (“Lewandowski e Neymar”), al recente derby di Liverpool: “Sono felice per la vittoria dell’Everton”. Tante le domande anche sulla grande passione di Romelu, l’Nba: “Jordan o Lebron James? Non farmi questo!” Oltre a Kobe Bryant, quale altro giocatore Nba mi ispira? “Sicuramente LeBron James! Il modo in cui guida le sue squadre e il modo in cui ispira un’intera generazione è davvero impressionante”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Brambati distrugge Romagnoli: “Giocatore sopravvalutato. Non lo metterei neanche in panchina”