Lukaku torna all’Inter? GdS: “Può succedere solo in un caso”

0
78
lukaku-sky-sports-intervista-coronavirus-instagram-vandereycken

Già tempo fa Romelu Lukaku aveva lanciato precisi segnali d’amore all’Inter ma ora la situazione è ancora più chiara, dopo i problemi di Roman Abramovich e la situazione congelata al Chelsea sul mercato. Il belga ha faticato ad ambientarsi e con Tuchel ha praticamente rotto due mesi fa, dopo tante panchine, quando è uscito allo scoperto dicendosi pentito di aver lasciato i nerazzurri. Adesso la situazione è peggiorata, così il belga ha richiamato la dirigenza interista per cercare di trovare una soluzione. Oggi La Gazzetta dello Sport conferma che il club nerazzurro è attento all’evoluzione della situazione:

“Ci sono tre condizioni da verificare. La prima è che Abramovich venda il Chelsea. Sia per motivi tecnici legati al blocco, ma al netto di questo anche perché mai Marina Granovskaia, la plenipotenziaria dei Blues, acconsentirebbe a una cessione low cost, dopo aver accettato di acquistare il giocatore solo lo scorso agosto per 113 milioni di euro. Con la società londinese in altre mani – passaggio che sembra obbligato, nelle prossime settimane – i discorsi legati al passato verrebbero con ogni probabilità azzerati. La seconda condizione è la modalità dell’affare, che deve essere il prestito: l’Inter non è nelle condizioni di fare un investimento oneroso, specie per un calciatore che va per i 29 anni. La terza condizione è invece legata alla riduzione dell’ingaggio. Oggi Big Rom guadagna al Chelsea 12,5 milioni di euro. Per tornare a Milano dovrebbe sensibilmente ridursi lo stipendio, accettando di tornare a guadagnare più o meno quel che prendeva a Milano prima di volare a Londra, ovvero 7,5 milioni più bonus. E dal giocatore la disponibilità a rivedere al ribasso l’ingaggio c’è già stata. L’Inter osserva e non chiude la porta per Lukaku, anche se l’argomento va trattato con cautela”. 

La Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Bremer e quel legame con una leggenda dell’Inter: “Grazie a mio…”