Marotta e Conte pazzi di Tonali: ecco cosa è cambiato dopo Kulusevski

0
769
sandro-tonali-inter-marotta-conte

Caccia al terzo perno da aggiungere a Nicolò Barella e Stefano Sensi, con un nome cerchiato in rosso sulla lista dei nerazzurri: Sandro Tonali. Assicura calciomercato.com

Dopo aver mostrato le proprie qualità nella cavalcata che ha portato il Brescia alla promozione dalla B la scorsa stagione, il classe 2000 si sta confermando come uno dei prospetti più interessanti a livello europeo, strappando report entusiastici ai tanti scout che ogni settimana affollano le tribune per osservarlo da vicino. Non mancano ovviamente gli osservatori dell’Inter, perché Tonali è un vero e proprio pallino per la società milanese. A tutti i livelli, perché tutte le diverse componenti hanno manifestato un forte gradimento per lui: piace molto a Oriali, che ha avuto modo di valutarlo ulteriormente grazie all’incarico in Nazionale; convince Marotta, che in lui vede un investimento in linea con progetto Suning; è apprezzato fortemente anche da Conte, pronto a plasmarlo per farne un Pirlo 2.0 davanti alla difesa.

IL PREZZO – Il gradimento è totale – scrive il sito -, l’Inter è convinta della bontà dell’operazione Tonali e continua a monitorare la situazione in ottica della prossima estate, anche perché convincere Cellino a cedere ora è una missione quasi impossibile (il piano è attendere la fine di Euro 2020, con una base d’asta da 45-50 milioni di euro). Un affare che si preannuncia complicato data la folta concorrenza. L’Inter, intenzionata a non farsi sfuggire l’occasione. Perché Tonali mette d’accordo Marotta, Oriali e Conte: vale l’investimento, è il nome giusto per costruire la rosa del futuro, a tinte sempre più azzurre.

calciomercato.com