Marotta: “Ritornare alla Juve? No, io voglio aprire un ciclo all’Inter”

0
75
beppe-marotta-inter-icardi-dybala

L’ad dell’Inter, Beppe Marotta, ha parlato così ai microfoni di Sky Sport prima della gara contro il Crotone:

“La sensazione è positiva, ma non abbiamo raggiunto nulla. E’ giusto superare anche questo esame che sembra facile ma il Crotone avrà motivazioni forti. Dobbiamo fare una partita determinata per fare risultato positivo. Zhang? Innanzitutto lui è tornato approfittando di questa apparente tranquillità post-Covid per vivere con noi il finale di campionato e parlare al momento giusto del futuro. Oggi siamo concentrati sul finale di campionato, oggi ha trovato un gruppo compatto grazie al lavoro del mister che ha dato motivazioni e obiettivi compattando tutta l’area tecnica. Dieci anni dopo con Conte? Anche alla Juve Conte ci ha messo del suo e la proprietà lo ha supportato al meglio. Oggi ci ritroviamo nella stessa situazione: Conte ha saputo valorizzare la rosa a disposizione. Siamo vicini alla vittoria, c’è la giusta tensione e motivazione per toglierci questa soddisfazione”.

NO AL RITORNO

“Ritornare alla Juve? No, io sono arrivato qui all’Inter dopo avere parlato con Zhang e voglio aprire un ciclo all’Inter. L’anno scorso arrivammo in finale di Europa League, sarebbe bello continuare anche malgrado le difficoltà dovute alla contrazione di ricavi legate al Covid”.

GIOCATORI ED EMERGENZA

“Abbiamo professionisti seri, non abbiamo avuto casi particolari. Conte ha una leadership fortissima e tutti hanno seguito il credo dell’allenatore, la mela marcia se fosse spuntata sarebbe stata isolata dal gruppo prima ancora che dall’allenatore. Ma questa squadra ha senso di appartenenza e attaccamento alla maglia. In pochi hanno vinto titoli e questo rappresenta un motivo di pressione ma anche uno stimolo per arrivare a un traguardo importante al quale non pensavano di arrivare così presto. Sensi? Ci sono giocatori che maturano con più lentezza. Barella si è inserito subito, Sensi ha avuto problemi anche fisici che hanno causato discontinuità nella preparazione. Ma l’Inter punta su di lui, è giovane e insieme a Barella e Bastoni rappresenta il futuro del calcio nazionale”, conclude Marotta.

Sky Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

A Juric non passa: “Gol annullato a Faraoni? Un errore grande”