Moratti: “Non venderei mai Lautaro. Ecco perché mi sono schierato…”

0
119
moratti-inter-mourinho

Nel giorno del suo 75esimo compleanno, Massimo Moratti, ha rilasciato un’intervista a Il Giornale. L’ex presidente dell’Inter si esprime così della nuova società guidata da Beppe Marotta e Antonio Conte, ovvero, due ex juventini: “Conte mi piace molto e la società sta facendo benissimo e sta facendo di tutto per rendere la squadra ancora più forte e competitiva. I dirigenti stanno lavorando bene e poi c’è il mister che ha un grande carattere e l’ha conferito alla squadra”.

IL GAP CON LA JUVE

“Può arrivare molto in alto, deve solo continuare a lavorare con perseveranza. Il gap con la Juventus lo si colma magari iniziando a vincere qualcosa ma penso che l’Inter sia sulla strada giusta per potercela fare”.

LO SCHIERAMENTO DALLA PARTE DI ICARDI E WANDA

“Sì l’ho fatto perché sentivo di farlo, Icardi è un bravo ragazzo. Io penso sia stata una questione di principio, anche giusta da parte della società. In estate c’è poi stata la possibilità di venderlo a un prezzo elevato e penso che abbiano concluso un’operazione che poteva essere conveniente per tutte le parti in causa”. 

NO ALLA CESSIONE DI LAUTARO

“Devo dire che Lukaku è molto di più di quello che pensavo. Oltre a essere bravo ragazzo, per bene è proprio grande attaccante davvero. Lautaro invece è fortissimo, un attaccante dei sogni con un tasso tecnico elevato e sopra la media che ti fa pensare in grande. Non lo venderei mai ma poi nel calcio d’oggi queste cose contano poco perché ci sono tante variabili che entrano in gioco”.

RIPRESA SERIE A

“Sostengo che sia una situazione grave dal punto di vista sanitario ed è difficile dare un opinione in merito anche per tutto quello che c’è intorno. Difficile parlare di calcio in questo momento storico. Il calcio è uno sport bellissimo ma penso che si possa aspettare. Non metterei a rischio il prossimo campionato per fare tutto di corsa in un mese. Io avrei chiuso l’anno qui ma pare si torni in campo, ora cerchiamo di organizzarci e di chiudere in totale sicurezza”.

LE PAROLE DI CHIELLINI

“Penso non siano state uscite simpatiche ma Giorgio è una bella persona. In questo caso gli è scappato qualcosa di negativo e dispiace che un lottatore e un bravo difensore come lui abbia fatto certe dichiarazioni, poteva evitare”, conclude Moratti.

Il Giornale