Non è Derby d’Italia contro chi è finito in B insieme alla propria reputazione

0
1558
inter-juve-big-match-derby-d-italia

Quello tra Inter e Juve viene chiamato ancora oggi “derby d’Italia” ed è da sempre una delle sfide più sentite e seguite del Bel paese. L’espressione fu coniata nel 1967 da Gianni Brera, il più influente giornalista sportivo italiano del XX secolo, per indicare il confronto tra due formazioni che, pur risiedendo in due città e persino regioni differenti, erano caratterizzate da una profonda rivalità reciproca. Infatti, la Beneamata e la squadra bianconera erano le squadre più forti della Serie A e con un albo d’oro più ricco delle altre, considerando che all’epoca i bianconeri avevano già collezionato 13 scudetti e i nerazzurri 10. Tra Inter e Juve la storia è sempre stata caratterizzata da polemiche scaturite da match molto accesi, per questo motivo la rivalità si è inasprita negli anni, continuando a dare ragion d’essere al termine “derby d’Italia”.

Ci sono stati dei match che abbiano reso ancora più tesi i rapporti tra i due club: il primo risale alla stagione 1960/61, un Campionato la cui corsa allo scudetto era dominata proprio da Inter e Juve, insieme al Milan. A causa di problemi nella gestione dell’afflusso del pubblico, alcuni tifosi entrarono nello stadio di Torino senza biglietto posizionandosi addirittura a bordo campo: per questo motivo i nerazzurri chiesero e ottennero la vittoria a tavolino. L’allora presidente bianconero e della FIGC, Umberto Agnelli, presentò però un ricorso e ottenne la possibilità di rigiocare la gara a fine campionato: in segno di protesta, nella partita del recupero l’Inter, ormai fuori dalla corsa scudetto, schierò la formazione Primavera.

Se questo episodio ha dato ufficialmente origine alla storica rivalità, quello che invece l’ha fatta riesplodere dopo anni di relativa quiete è stato il derby d’Italia del 1998, in un momento in cui le due squadre si sono ritrovate di nuovo a lottare per lo scudetto. L’Inter di Gigi Simoni e Ronaldo il Fenomeno. Dopo sappiamo com’è finita..

Ma la domanda è: perché chiamarlo ancora “derby d’Italia”? E’ sbagliato, perché i bianconeri sono scesi in Serie B dopo lo scandalo più grande in Italia. Perché Calciopoli non era un modo di dire o di pensare, era e rimarrà per sempre un dato di fatto. Perché la Juve é stata retrocessa in serie B insieme alla sua reputazione. Questi sono i fatti. Quindi, il “derby d’Italia” è finito nel 2006 insieme a Luciano Moggi e compagnia cantante.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

A giugno la Juve viola il protocollo anti-Covid e si becca…