Oaktree: “Noi a capo dell’Inter? Non è nei nostri piani, ma chi lo sa”

0
62
oaktree-inter-ufficiale-suning

Durante il Business of Football Summit organizzato dal Financial Times Alejandro Cano, managing director per Oaktree Global Opportunities, ha risposto a una domanda di Calcio e Finanza a proposito della situazione della proprietà dell’Inter e di eventuali preoccupazioni legate alla situazione economica di Suning e della famiglia Zhang ha spiegato: “Quante possibilità di vedere Oaktree a capo dell’Inter? Non è nei nostri piani, vogliamo lavorare come ottimi partner e offrire supporto, ma chi lo sa. Abbiamo cercato situazioni in cui possiamo dare valore e dare soluzioni tagliate su misura per la controparte. L’Inter è una società top per seguaci nel mondo, era l’opportunità per avere un ruolo e supportare un club e lo abbiamo fatto”.

TEMA STADIO

“Credo che il calcio in generale si debba adattare, dal punto di vista digitale ad esempio ma anche dando una esperienza molto positiva dentro lo stadio. È qualcosa che ha un valore per un team come l’Inter, un club che merita uno stadio del 21esimo secolo. Il mondo sta cambiando e il calcio non può perdere questo treno”.

INVESTIMENTI

“Noi possiamo investire in diversi settori e modi. Per il calcio, la necessità di capitale era chiara, questo era il modo per entrare in questo mondo e vedere se potevamo investire. Abbiamo deciso che era interessante per due motivi: è uno sport mondiale, ottimo a lungo termine e con potenziale di crescita; l’ecosistema si sta posizionando per essere più sostenibile finanziariamente, che significa più redditizio. Abbiamo valutato la situazione, poi il Covid ha ampliato le possibilità e la necessità di capitale più urgente. Quello che ci ha portato nello sport è combinazione di necessità di capitale e un orizzonte di sostenibilità”.

calcioefinanza.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Clamoroso Bild: “PIF si prende l’Inter per 900 milioni di euro”