Padre di Tonelli: “Inter-Juve 2018? Come ammazzare una persona”

0
43
gavillucci-inter-juve-orsato-rafinha-pjanic-niente-giallo-tonelli

Pietro Tonelli, padre di Lorenzo, durante un intervento su Radio Kiss Kiss è tornato su quell’Inter-Juve del 2018 che ha consegnato lo scudetto alla squadra di Allegri, ai danni del Napoli di Sarri:

“La gente di Napoli ha sempre tanto affetto per Lorenzo e lui sempre ricambia, è un legame che non si scioglie. Per via della mia attività purtroppo non sono venuto tante volte a trovare mio figlio a Napoli, quando era in città mi colpiva molto l’affetto dei tifosi che lo cercavano e lo fermavano per le foto. Non era la circostanza o farsi il selfie con una persona abbastanza nota, ma proprio l’affetto per manifestare la loro vicinanza alla squadra. Questo accade solo a Napoli, anche Firenze è molto legata alla squadra, ma i tifosi viola sono molto litigiosi.

Gli arbitraggi stanno rovinando il calcio, chi dirige la classe arbitrale dovrebbe fare il mea culpa, è una porcheria che – riporta tuttonapoli.net – anche il Var non riesce a porre rimedio agli errori. Ci vuole onestà nella vita e nello sport, quando Lorenzo terminerà di giocare smetterò di vedere le partite. Mi ricordo quell’Inter-Juve che fece perdere lo scudetto al Napoli, è come se avessero ammazzato una persona”, conclude Tonelli.

Radio Kiss Kiss

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Dopo l’errore clamoroso in Inter-Parma Maresca è stato fermato di nuovo