Pasqua e La Penna squalificati, web scatenato: “Due arbitri che non stanno simpatici a quella squadra là”

0
54
la-penna-pasqua-squalificati-web-scatenato

Si è conclusa con due pesantissime condanne (13 mesi per Federico La Penna, 16 per Fabrizio Pasqua) l’inchiesta per i rimborsi arbitrali gonfiati.  Una durata che se non verrà cancellata o ridotta nei successivi gradi di giudizio (Commissione disciplinare d’appello dell’Aia e poi eventualmente Collegio di Garanzia dello Sport presso il CONI) costerebbe ai due lo stop definitivo: le norme di funzionamento degli Organi Tecnici prevedono infatti che non possano essere mantenuti nel ruolo gli associati che abbiano subito nei 10 anni precedenti pene superiori a un anno.

Arbitri Serie A, caso rimborsi: 13 mesi di squalifica a La Penna, 16 a Pasqua

WEB SCATENATO

Sul Twitter volano le reazioni: “Il problema è che escono solo ste sciocchezzelle. Ci sono arbitri che hanno deciso il corso di interi campionati e fra poco li mettono a capo dell’Aia”. Un altro utente: “Strano che proprio quei pochi arbitri non a favore del palazzo abbiano pagato e invece il resto fa carriera”, oppure: “Questi sono la manovalanza e sono stati puniti, i killer di professione fanno carriera e passano dietro la scrivania a comandare”.

C’è chi risponde in modo più chiaro: “Ma questi sono dilettanti della ‘mazzetta’. Le vere ignominie sono altre, ma vengono taciute” o ancora: “Forse questa fra tutte le pessime figure è ancora quella meno scandalosa…se solo si potessero approfondire alcuni arbitraggi e promozioni A.I.A. altro che calciopoli…”.

E non finisce qui, un altro utente ha risposto così: “Strano che però proprio La Penna e Pasqua, sono 2 arbitri che non stanno simpatici a quella squadra là!” e un altro conclude così: “Spero che nessuno dimentichi l’arbitro Gavillucci…addirittura fu ritirata la tessera Aia… È dovuto ripartire dalle serie minori in Inghilterra pur di arbitrare in un contesto più onesto”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

La Serie A vuole stadi aperti al 100%: “Rendiamo efficace il green pass”