Home Interviste Petrachi: “Conte voleva Dzeko, gli ho detto di non rompere i c***.....

Petrachi: “Conte voleva Dzeko, gli ho detto di non rompere i c***.. È inutile che sbatti la testa contro il muro”

28
0
conte-conferenza-stampa-champions-petrachi

Estate 2019. Da un lato Antonio Conte, neo allenatore dell’Inter, dall’altro Gianluca Petrachi, fresco di incarico di direttore sportivo della Roma. Due vecchi amici, protagonisti di uno “scontro” di mercato. Conte voleva portare Edin Dzeko all’Inter, Petrachi non ne voleva sapere di lasciar partire il capitano giallorosso. E, per chiarirlo, non usò mezze misure. A raccontarlo è stato lo stesso Petrachi, che ha concesso una lunga intervista al Corriere dello Sport. L’ex ds della Roma, in causa con la società dopo il licenziamento dello scorso luglio, ha ricordato la trattativa: “Io e Conte siamo legati da una profonda e avevo già parlato con lui di Edin. Voleva portarlo all’Inter. Ma io gli dissi: ‘Non mi rompere i c*** con Dzeko, non te lo do. È inutile che sbatti la testa contro il muro’. Dzeko era nel cuore dei tifosi e io, quando sposo una società, sposo anche i suoi tifosi”.

Infine Petrachi ha parlato del divorzio traumatico dalla Roma: “Alla base c’è stata una mancanza di comunicazione con Pallotta. In tutto l’ho visto due volte. E al telefono non ci sentivamo mai, io non parlo inglese perché sono pigro e non ho un bel ricordo della mia esperienza in Inghilterra. Inoltre non sono uno diplomatico, non ci so fare nelle relazioni. Non sono uno che si concede, non telefono ai direttori. E i giornali mi attaccavano, li ho avuti tutti contro. Non sono uno che dà la notizia. Non riesco a essere finto. E quindi scrivevano che attaccavo Zaniolo perché avevo già deciso di venderlo. Non era così, tanto che Zaniolo è ancora alla Roma ed è un patrimonio del club. Quando parlavo con lui, gli dicevo che doveva tirare fuori la sua anima guerriera e non quella mondana”, conclude Petrachi.

Corriere dello Sport

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Inter, Alessandro Bastoni è una vera certezza. 31 milioni? Ecco la verità